Progetti

Save the date | Dalla Direttiva 2000/53 ad un nuovo Regolamento Europeo per gli ELV (Ciriè, 14 Marzo 2024).  PROGRAMMA

Save the date | Dalla Direttiva 2000/53 ad un nuovo Regolamento Europeo per gli ELV (Ciriè, 14 Marzo 2024).  PROGRAMMA

ASSOAMBIENTE nell’ambito del Progetto “Impianti Aperti on the Road ha programmato per il 14 marzo 2024 una visita all’impianto di trattamento dei catalizzatori della della Società americana TECHEMET, la principale azienda del settore a livello mondiale riservata agli operatori della demolizione dei veicoli.

In occasione della visita allo Stabilimento TECHEMET di Ciriè (Torino), Assoambiente ha organizzato il convegno “Dalla Direttiva 2000/53 ad un nuovo Regolamento Europeo per gli ELV” sulla proposta di Regolamento Europeo  con la partecipazione di tutti gli stakeholders affinchè le diverse componenti della filiera possano far conoscere  al pubblico la propria posizione davanti alla proposta comunitaria. 

Il 13 luglio 2023 infatti la Commissione Europea ha pubblicato al proposta di Regolamento che dovrebbe sostituire la Direttiva 2000/53/CE sul fine vita dei veicoli (ELV - End of Life Vehicles) e quella sulla omologazione degli stessi prima di essere immessi nel mercato. La Direttiva ELV è stata recepita nell’ordinamento italiano nel 2003 ma negli ultimi 20 anni sono numerosi i cambiamenti avvenuti nel settore, sia sui veicoli che nel trattamento degli stessi a fine vita. 

Nel novembre 2023 i componenti della filiera nazionale dei veicoli fuori uso sono stati sollecitati dal MASE a far pervenire le proprie posizioni e commenti sulla proposta comunitaria. A gennaio 2024, in vista di una prossima convocazione da parte del MASE, i componenti della filiera si sono incontrati per individuare argomenti  della proposta di Regolamento, su cui definire una generale convergenza.

Il Convegno sarà concluso dagli interventi del Vice Ministro MASE, Vannia Gava e del Presidente ASSOAMBIENTE, Chicco Testa e vedrà la partecipazione del Segretario Generale ANFIA, Gianmarco Giorda, del Vice Direttore Generale UNRAE, Antonio Cernicchiaro, della Vice Presidente ASSOFERMET ed EURIC, Cinzia Vezzosi e dei rappresentati delle Associazioni dei Demolitori e dei frantumatori Anselmo Calo’, Ruggiero Delvecchio e Stefano Leoni.

Programma scaricabile allegato

Cliccare qui per l'Iscrizione al Convegno

{related_entries id="fotogallery_allegata"}

Photogallery

{/related_entries}

Save the Date | Il futuro dei rifiuti C&D con il nuovo Regolamento EoW (Roma, 18 Aprile) | ISCRIVITI

Save the Date | Il futuro dei rifiuti C&D con il nuovo Regolamento EoW (Roma, 18 Aprile) | ISCRIVITI

ANPAR insieme con TUTTOAMBIENTE (Consulenze Servizi Formazione) e ASS.IEA (Associazione Italiana Esperti Ambientali) promuove l'evento "Il futuro dei rifiuti C&D con il nuovo regolamento EoW" che si terrà a Roma il 18 Aprile in FISE, Sala Verde nella mattinata dalle ore 10.00 alle ore 13.30.

L'evento è realizzato con il Patrocinio di ASSOAMBIENTE ed il sostegno di ASTRA S. Cons. a r.l.

Il Programma è scaricabile qui

Per motivi organizzativi si prega cortesemente confermare la partecipazione alla Segreteria Organizzativa: info@anpar.org

{related_entries id="fotogallery_allegata"}

Photogallery

{/related_entries}

ASSOAMBIENTE 12 aprile 2024

ASSOAMBIENTE 12 aprile 2024 {related_entries id="fotogallery_allegata"}

Photogallery

{/related_entries}

Impianti Aperti on the Road | Seconda Tappa Orvieto Ambiente Srl Gruppo Acea (Orvieto, 17 Aprile)

Impianti Aperti on the Road | Seconda Tappa Orvieto Ambiente Srl Gruppo Acea (Orvieto, 17 Aprile)

La nuova edizione "Impianti Aperti on the Road" offre l’opportunità ad un impianto di aprire le porte a enti locali, comitati territoriali e, in particolare, a studenti interessati promuovere una cultura consapevole nella gestione dei rifiuti e condividere conoscenze fondamentali sulle tecnologie utilizzate, i processi di monitoraggio, le autorizzazioni normative e il controllo delle emissioni. 

In tal senso, la Seconda Tappa del viaggio ASSOAMBIENTE per la sostenibilità è dedicata ad Orvieto Ambiente società del Gruppo ACEA, proprietaria del Polo Impiantistico di Orvieto.

La visita guidata all’impianto ospiterà gli studenti dell’Istituto Superiore Scientifico e Tecnico di Orvieto (Programma allegato).

L’Associazione con il suo impegno costante nella diffusione di notizie e informazioni cruciali nel campo del waste management, ha ricevuto per il Progetto il patrocinio del MASE (Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare), di ANCI (Associazione Nazionale Comuni Italiani) di ISPRA (Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale) SNPA Sistema Nazionale per la Protezione dell'Ambiente) e di Sostenibilità in Lombardia.   

{related_entries id="fotogallery_allegata"}

Photogallery

{/related_entries}

ALBO GESTORI – Deliberazione n. 1/24 su criteri modalità svolgimento verifiche RT in modalità digitale

ALBO GESTORI – Deliberazione n. 1/24 su criteri modalità svolgimento verifiche RT in modalità digitale

L’Albo Gestori Ambientali con Deliberazione n. 1 del 9 aprile 2024 ha emanato i “Criteri e modalità di svolgimento delle verifiche in modalità digitale per i responsabili tecnici di cui all’art. 13 del DM del 3 giugno 2014, n. 120” che contiene nell’allegato “A”,  sia le relative modalità di svolgimento sia le indicazioni sugli adempimenti preliminari della commissione esaminatrice.

Per maggiori informazioni si rimanda alla Circolare 2024/102/SAEC-ALB/LE del 12.04.2024 pubblicata sul sito ASSOAMBIENTE.

{related_entries id="fotogallery_allegata"}

Photogallery

{/related_entries}

2024/102/SAEC-ALB/LE

2024/102/SAEC-ALB/LE

L’Albo Gestori Ambientali con Deliberazione n. 1 del 9 aprile 2024 ha emanato i “Criteri e modalità di svolgimento delle verifiche in modalità digitale per i responsabili tecnici di cui all’art. 13 del DM del 3 giugno 2014, n. 120”che si affiancano a quelli già dettati con la Deliberazione n. 4 del 25 giugno 2019 con la quale è stato disciplinato lo svolgimento della verifica di idoneità per responsabile tecnico in modalità cartacea.

Secondo la Deliberazione in oggetto qualora le Sezioni regionali e provinciali decidano di svolgere le prove relative alle verifiche di idoneità per responsabile tecnico anche in modalità digitale, dovranno dotarsi di idonea strumentazione informatica (computer, tablet etc) da rendere disponibile ai candidati durante la prova di verifica di idoneità.

La modalità digitale dell’esame potrà essere applicata a tutte le sessioni di verifica (anche quelle cartacee già calendarizzate e pubblicate sul sito dell’Albo) la cui data di apertura delle iscrizioni sia successiva alla data di entrata in vigore della presente deliberazione.

Le modalità di svolgimento delle verifiche di idoneità per responsabile tecnico in modalità digitale sono riportate nell’allegato “A” che contiene anche indicazioni sugli adempimenti preliminari della commissione esaminatrice.

Si rinvia alla Deliberazione n. 1/2024 in allegato per ogni approfondimento.

{related_entries id="fotogallery_allegata"}

Photogallery

{/related_entries}

Revisione direttiva acque reflue – Parlamento UE approva in via definitiva accordo raggiunto con il Consiglio

Revisione direttiva acque reflue – Parlamento UE approva in via definitiva accordo raggiunto con il Consiglio

Lo scorso 10 aprile 2024, il Parlamento Europeo ha approvato in via definitiva la revisione della direttiva in materia di gestione delle acque e di trattamento delle acque reflue urbane per una migliore protezione della salute pubblica e dell'ambiente, la quale sostituirà la direttiva 1999/271/CE. 

Si ricorda che il 26 ottobre 2022 la Commissione europea aveva pubblicato la proposta di modifica della normativa sul trattamento delle acque reflue urbane (UWWTD) con l’obiettivo di includere le fonti di inquinamenti non considerate nella precedente direttiva.

Per maggiori informazioni si rimanda alla Circolare 2024/101/SAEC-EUR/FA del 12.04.2024 pubblicata sul sito ASSOAMBIENTE.

{related_entries id="fotogallery_allegata"}

Photogallery

{/related_entries}

2024/101/SAEC-EUR/FA

2024/101/SAEC-EUR/FA

Lo scorso 10 aprile 2024, il Parlamento Europeo ha approvato in via definitiva la revisione della direttiva in materia di gestione delle acque e di trattamento delle acque reflue urbane per una migliore protezione della salute pubblica e dell'ambiente, la quale sostituirà la direttiva 1999/271/CE.

Si ricorda che il 26 ottobre 2022 la Commissione europea aveva pubblicato la proposta di modifica della normativa sul trattamento delle acque reflue urbane (UWWTD) con l’obiettivo di includere le fonti di inquinamenti non considerate nella precedente direttiva, in linea con i principi definiti nel Green Deal europeo e per una maggiore armonizzazione dei livelli di governance dei sistemi di depurazione delle acque reflue urbane (v. circolare associativa n. 10 del 13 gennaio 2023). 

Il Parlamento ha ora adottato l’accordo raggiunto con il Consiglio lo scorso gennaio 2024. 

Il testo dovrà essere adottato anche dal Consiglio UE prima di entrare in vigore. 

Anticipiamo sinteticamente che la nuova direttiva, tra le altre cose, prevede che:

  • entro il 2035, le acque reflue urbane saranno sottoposte a trattamento secondario (cioè la rimozione di materia organica biodegradabile), prima di essere scaricate nell'ambiente, in tutti gli agglomerati delle dimensioni di 1.000 abitanti equivalenti (ad esempio, unità di misura standard che descrive l'inquinamento medio rilasciato da una persona al giorno) o più;
  • entro il 2039, il trattamento terziario (ossia l'eliminazione dell'azoto e del fosforo) sarà applicato in tutti gli impianti di trattamento delle acque reflue che coprono 150,000 a.e. e oltre, ed entro il 2045 in quelli che coprono 10.000 a.e. e oltre;
  • entro il 2045 sarà obbligatorio un trattamento aggiuntivo che elimina un ampio spettro di microinquinanti ("trattamento quaternario") per tutti gli impianti superiori a 150,000 a.e. (e oltre 10,000 a.e. sulla base di una valutazione del rischio);
  • sarà rigorosamente monitorato il monitoraggio di vari parametri di salute pubblica (come virus noti e agenti patogeni emergenti), inquinanti chimici, comprese le cosiddette "sostanze chimiche eterne" (sostanze per- e polifluoroalchiliche o PFAS), microplastiche e resistenza antimicrobica.

La legge introduce inoltre la responsabilità estesa del produttore (EPR) per i produttori di medicinali per uso umano e i prodotti cosmetici, che dovrà coprire almeno l'80% dei costi del trattamento quaternario (per rimuovere i micro-inquinanti dalle acque reflue urbane). Prevista integrazione costi con finanziamenti nazionali.

I Paesi dell'UE infine saranno tenuti a promuovere il riutilizzo delle acque reflue trattate provenienti da tutti gli impianti di trattamento delle acque reflue urbane, se opportuno, in particolare nelle zone soggette a stress idrico.

Per quanto d’interesse si allega la posizione che FEAD, con la collaborazione di Assoambiente, ha inviato alla Commissione in fase di consultazione della proposta (v. allegato 1).

Per ogni ulteriore approfondimento, si rimanda al testo adottato (v. allegato 2) allegato alla presente.

{related_entries id="fotogallery_allegata"}

Photogallery

{/related_entries}

RENTRI – Webinar formativo MASE, 7 maggio 2024 ore 15.00

RENTRI – Webinar formativo MASE, 7 maggio 2024 ore 15.00

Parte il progetto formativo del MASE destinato alle associazioni di categoria e alle imprese tenute ad iscriversi al RENTRI. Il primo appuntamento è il 7 maggio 2024 alle ore 15.00 e riguarderà l’Illustrazione dei soggetti obbligati, delle tempistiche e degli adempimenti. 

Nella circolare allegato il link per la registrazione necessaria alla partecipazione.

Per maggiori informazioni si rimanda alla Circolare 2024/100/SAEC-NOT/LE del 11.04.2024 pubblicata sul sito ASSOAMBIENTE.

{related_entries id="fotogallery_allegata"}

Photogallery

{/related_entries}

2024/100/SAEC-NOT/LE

2024/100/SAEC-NOT/LE

L’Albo Nazionale gestori ambientali e Unioncamere stanno avviando, nell’ambito delle attività di supporto tecnico operativo al Ministero dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica (MASE), previsto dall’articolo 11, del D.M. 4 aprile 2023 n. 59, alcuni webinar formativi destinati alle associazioni di categoria e alle imprese tenute ad iscriversi al RENTRi (Registro Elettronico Nazionale Tracciabilità Rifiuti).

L’attività di formazione sarà articolata in due moduli:

Modulo I:

  • soggetti tenuti all’iscrizione al RENTRi (operatori, produttori, delegati);
  • modalità e tempistiche per l’iscrizione;
  • le nuove regole per la gestione dei formulari di identificazione rifiuto;
  • le nuove regole per la gestione dei registri cronologici dei registri di carico e scarico;
  • illustrazione dell’ambiente dimostrativo.

Modulo II:

  • illustrazione delle applicazioni RENTRi;
  • modalità di gestione dei FIR cartacei;
  • illustrazione dei servizi di supporto.
     

La prima sessione dal titolo “Modulo 1: Illustrazione dei soggetti obbligati, delle tempistiche e degli adempimenti” si terrà martedì 7 maggio 2024 alle ore 15:00. La partecipazione è libera e gratuita previa registrazione al seguente link.

Ulteriori aggiornamenti sulla calendarizzazione delle successive sessioni saranno pubblicati sul sito www.rentri.gov.it.

In allegato il programma dell’evento relativo al Modulo 1.

{related_entries id="fotogallery_allegata"}

Photogallery

{/related_entries}

Direttiva Seveso – Quesiti del Consiglio di Stato alla Corte di Giustizia Europea

Direttiva Seveso – Quesiti del Consiglio di Stato alla Corte di Giustizia Europea

Il Consiglio di Stato ha chiesto chiarimenti alla Corte di Giustizia europea sulle modalità di valutazione dei quantitativi di sostanze pericolose presenti in un impianto, al fine di stabilirne l'assoggettabilità o meno alla disciplina Seveso. 

Questo nell’ambito di un giudizio avente ad oggetto un provvedimento con cui il Comitato tecnico regionale delle Marche ha diffidato il titolare di un impianto di trattamento di rifiuti liquidi, già autorizzato con AIA, a presentare la notifica e il rapporto di sicurezza "Seveso". 

In particolare il CdS ha formulato due questioni interpretative della direttiva 2012/18/UE in materia di pericolo di incidenti rilevanti connessi con la presenza di sostanze pericolose. 

Per maggiori informazioni si rimanda alla Circolare 2024/099/SAEC-GIU/CS del 10.04.2024 pubblicata sul sito ASSOAMBIENTE.

{related_entries id="fotogallery_allegata"}

Photogallery

{/related_entries}

2024/099/SAEC-GIU/CS

2024/099/SAEC-GIU/CS

Il Consiglio di Stato (CdS) con l'ordinanza 2789/2024, ha chiesto chiarimenti alla Corte di Giustizia europea sulle modalità di valutazione dei quantitativi di sostanze pericolose presenti in un impianto, al fine di stabilirne l'assoggettabilità o meno alla disciplina Seveso. Questo nell’ambito di un giudizio avente ad oggetto un provvedimento con cui il Comitato tecnico regionale delle Marche ha diffidato il titolare di un impianto di trattamento di rifiuti liquidi, già autorizzato con AIA, a presentare la notifica e il rapporto di sicurezza "Seveso". Il CdS ha quindi sospeso il giudizio in attesa del riscontro dei giudici europei.

In particolare il CdS ha formulato due questioni interpretative della direttiva 2012/18/UE in materia di pericolo di incidenti rilevanti connessi con la presenza di sostanze pericolose (cd. Direttiva Seveso). Con la prima, il CdS ha chiede chiarimenti sulla prassi che rimette la determinazione dei quantitativi di sostanze pericolose presenti in un impianto, ai fine della assoggettabilità dello stesso alle prescrizioni Seveso, a una procedura operativa implementata dal gestore la quale, attraverso un costante monitoraggio, consente di determinare il "reale" quantitativo delle sostanze presenti nell'impianto (invece di utilizzare il quantitativo massimo previsto nell’autorizzazione rilasciata dall’Autorità competente). 

Con il secondo quesito, comunque connesso al primo, il CdS ha chiesto se è conforme alle regole europee la disposizione del decreto di recepimento, articolo 13 “Notifica” del D.lgs. n. 105/2015, che non consente ai gestori di utilizzare le procedure operative di monitoraggio costante al fine di assolvere gli obblighi di comunicazione. 

Per maggiori informazioni si rimanda al testo dell’ordinanza riportata in allegato.

{related_entries id="fotogallery_allegata"}

Photogallery

{/related_entries}

#SoluzioniCircolari - Storie di Imprese che Fanno la Differenza

#SoluzioniCircolari - Storie di Imprese che Fanno la Differenza

Il nuovo progetto di comunicazione Assoambiente intende valorizzare la disseminazione di conoscenze autorevoli sui servizi di igiene ambientale e sull’economia circolare. 

Per maggiori informazioni si rimanda alla Circolare 2024/098/SAEC-COM/CO del 10.04.2024 pubblicata sul sito ASSOAMBIENTE.

{related_entries id="fotogallery_allegata"}

Photogallery

{/related_entries}

2024/098/SAEC-COM/CO

2024/098/SAEC-COM/CO

In considerazione dell'importanza crescente dell'accesso a informazioni affidabili in ambiti come l'igiene ambientale e l'economia circolare, l'Associazione intende avviare una nuova iniziativa volta a valorizzare la disseminazione di conoscenze autorevoli e l'interazione con il nostro pubblico.

Per rispondere efficacemente a questa esigenza, vi proponiamo il progetto #SoluzioniCircolari - Storie di Imprese che Fanno la Differenza, una serie di caroselli educativi su LinkedIn. In allegato scheda informativa.

L'obiettivo è duplice:

  1. offrire Informazioni Affidabili: Garantire che il pubblico abbia accesso a risposte chiare, concise e validate su temi relativi all'igiene ambientale e all'economia circolare;
  2. incrementare l’Engagement: Accrescere l’interazione con la nostra comunità promuovendo un approccio informato e positivo verso questi settori.

Per garantire l'efficacia e la pertinenza dei contenuti proposti, invitiamo gli Associati a partecipare attivamente al progetto, proponendo tematiche di interesse comune da trattare nei caroselli educativi. La vostra partecipazione sarà cruciale per assicurare che il messaggio trasmesso sia rappresentativo delle realtà e delle sfide che il nostro settore affronta quotidianamente.

È fondamentale sottolineare che questa campagna non si sovrappone né replica l'iniziativa Impianti Aperti, bensì rappresenta un'iniziativa di comunicazione autonoma, pensata per rivolgersi principalmente a coloro che non gestiscono impianti, ai gestori dei servizi di raccolta, a chi opera nel settore dell'intermediazione e della governance, ai laboratori, e a chi si occupa di bonifiche. Il progetto #SoluzioniCircolari intende quindi colmare soprattutto una specifica lacuna informativa, offrendo contenuti di alto valore e spessore per un pubblico diversificato e interessato a compiere scelte più consapevoli nell'ambito dell'igiene ambientale e dell'economia circolare.

Gli associati interessati a contribuire o a diventare ambasciatori del progetto sono gentilmente invitati a contattare l'ufficio di coordinamento della comunicazione (t.colin@fise.org) per discutere i possibili temi da includere e stabilire le modalità di collaborazione. 

La partecipazione a questa iniziativa non solo contribuirà a diffondere pratiche sostenibili e innovazioni significative ma rafforzerà anche il nostro impegno collettivo verso la creazione di una comunità più informata e consapevole. Confidiamo nella vostra disponibilità a collaborare a questo importante progetto e rimaniamo a disposizione per ogni ulteriore dettaglio o chiarimento che possa essere necessario

{related_entries id="fotogallery_allegata"}

Photogallery

{/related_entries}

Funzionamento Comitato ETS e Segreteria tecnica – Pubblicato nuovo decreto

Funzionamento Comitato ETS e Segreteria tecnica – Pubblicato nuovo decreto

È stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il Decreto ministeriale 17 gennaio 2024 che abroga e sostituisce il decreto 30 luglio 2021, recante: «Modalità di funzionamento del comitato ETS e della segreteria tecnica».

Per maggiori informazioni si rimanda alla Circolare 2024/097/SAEC-NOT/FA del 10.04.2024 pubblicata sul sito ASSOAMBIENTE.

{related_entries id="fotogallery_allegata"}

Photogallery

{/related_entries}

2024/097/SAEC-NOT/FA

2024/097/SAEC-NOT/FA

Pubblicato il Decreto ministeriale 17 gennaio 2024 che abroga e sostituisce il decreto 30 luglio 2021, recante: «Modalità di funzionamento del comitato ETS e della segreteria tecnica» (G.U. n. 83 del 9.04.2024). 

Si ricorda che, in base al decreto legislativo del 9 giugno 2020, n.47, il Comitato ETS è l’autorità nazionale competente per l’attuazione della disciplina della direttiva ETS e la Segreteria tecnica è l’organo istituito dal Ministero dell’Ambiente che si occupa dell’attività istruttoria preliminare alla stesura degli atti deliberativi del Comitato, relativi agli impianti fissi e al trasporto aereo.

Per quanto di interesse, a seguito della recente modifica della direttiva ETS, che introduce nel sistema anche gli impianti di incenerimento di rifiuti urbani (v. circolare associativa n. 133 del 24 maggio 2023), si evidenzia che la disciplina del funzionamento degli organi di cui sopra è stata rivista dal decreto ministeriale in oggetto in maniera poco sostanziale, salvo nelle seguenti disposizioni:

  • articolo 4 sulla decadenza, revoca e sostituzione dei membri del Comitato, che indica che il Presidente del Comitato, autonomamente o su segnalazione di almeno due componenti del Comitato, può segnalare tempestivamente la possibile violazione o inosservanza dei compiti di un componente al Ministero dell'ambiente e della sicurezza energetica, il quale può avviare il procedimento di revoca dall'incarico in accordo con l'amministrazione designante, assicurando il contradditorio; 
  • articoli 9 e 10 sulla Segreteria tecnica e la sua composizione, che non specificano più la presenza nelle riunioni di responsabili tecnici delle convenzioni e degli accordi stipulati con società in house, ISPRA GSE, ENAC e camere di commercio e inoltre prevede casi e modalità di revoca per i componenti analoghe a quelle previste per il Comitato.
     

Per ogni ulteriore approfondimento, si rimanda al decreto allegato alla presente.

{related_entries id="fotogallery_allegata"}

Photogallery

{/related_entries}

Decreto MASE su attività di programmazione regolamento EoW

Decreto MASE su attività di programmazione regolamento EoW

La Direzione Generale Economia Circolare del MASE ha pubblicato il Decreto direttoriale n. 26 del 25 marzo 2024 volto alla programmazione annuale delle attività per la definizione dei regolamenti End of Waste (EoW) per il 2024. 

Nel decreto in parola viene riportato il programma del MASE per i vari regolamenti EoW in discussione suddividendoli tra quelli per i quali è prevista adozione entro l’anno, quelli considerati prioritari e quelli che verranno eventualmente affrontati in base allo stato dei lavori.

Per maggiori informazioni si rimanda alla Circolare 2024/096/SAEC-NOT/CS del 09.04.2024 pubblicata sul sito ASSOAMBIENTE.

{related_entries id="fotogallery_allegata"}

Photogallery

{/related_entries}

2024/096/SAEC-NOT/CS

2024/096/SAEC-NOT/CS

La Direzione Generale Economia Circolare del MASE ha pubblicato il Decreto direttoriale n. 26 del 25 marzo 2024 volto alla programmazione annuale delle attività per la definizione dei regolamenti End of Waste (EoW) per il 2024. 

L’articolo 2 “Programmazione della decretazione 2024 in materia di cessazione della qualifica di rifiuto” del decreto stabilisce che nel 2024 si dovrà concludere l’iter istruttorio dei seguenti Regolamenti EoW:

  • Regolamento che disciplina la cessazione della qualifica di rifiuto dei rifiuti inerti da costruzione demolizione e di altri rifiuti inerti di origine minerale (EoW inerti);
  • Revisione del DM 15 maggio 2019 n. 62 “Regolamento recante disciplina della cessazione della qualifica di rifiuto da prodotti assorbenti per la persona (PAP).
     

Il decreto individua poi come prioritari i seguenti Regolamenti EoW, alcuni dei quali previsti nel Cronoprogramma di attuazione delle misure della Strategia Nazionale per l’Economia Circolare:

  • Regolamento EoW Tessile, che disciplina il recupero degli scarti di produzione e indumenti, accessori di abbigliamento e altri manufatti tessili provenienti da cicli pre-consumo e da cicli post-consumo;
  • Regolamento EoW Membrane bituminose, che disciplina il recupero delle membrane/guaine bituminose (triturato di membrane bituminose-TMB), materiale costituito da una successione di strati di bitume e polimeri usato in edilizia ed opere civili ai fini dell’impermeabilizzazione;
  • Regolamento EoW Spazzamento stradale, relativo al recupero della componente inerte non pericolosa del rifiuto da spazzamento stradale. Su tale schema di regolamento è stata avviata una consultazione con le parti interessate (v. Circolare Assoambiente n. 079/2024); 
  • Regolamento EoW Plastiche, che disciplina il recupero di rifiuti non pericolosi di plastica provenienti da raccolta differenziata di rifiuti da imballaggi;
  • Revisione del Decreto Ministeriale 31 marzo 2020, n. 78 “Regolamento recante disciplina della cessazione della qualifica di rifiuto della gomma vulcanizzata derivante da PFU”.
     

Infine, compatibilmente con le suddette attività prioritarie, potranno proseguire le istruttorie dei seguenti Regolamenti:

  • Regolamento EoW Gesso, recupero di rifiuti a base di gesso provenienti da attività di costruzione e demolizione, da stampi a base di gesso e dalla produzione di manufatti in gesso;
  • Regolamento EoW Pastello di piombo, che disciplina il recupero del materiale contenuto nelle batterie ed accumulatori al piombo esausti.
     

Per maggiori informazioni si rimanda al testo del decreto allegato.

{related_entries id="fotogallery_allegata"}

Photogallery

{/related_entries}

Impianti portuali per conferimento dei rifiuti dalle navi - pubblicato D.lgs. n. 46/2024

Impianti portuali per conferimento dei rifiuti dalle navi - pubblicato D.lgs. n. 46/2024

Pubblicato il Decreto Legislativo n. 46/24  che aggiorna le regole cui sono sottoposti gli impianti portuali per il conferimento dei rifiuti delle navi. 

Il provvedimento, che entrerà in vigore il 23 aprile 2024,  interviene sulla disciplina cui sono sottoposti gli impianti portuali per il conferimento dei rifiuti delle navi per chiarire l’ambito applicativo di alcune disposizioni contenute nel D.Lgs. n. 197/2021 che avevano determinato criticità applicative.

Per maggiori informazioni si rimanda alla Circolare 2024/095/SAEC-NOT/LE del 09.04.2024 pubblicata sul sito ASSOAMBIENTE.

{related_entries id="fotogallery_allegata"}

Photogallery

{/related_entries}

2024/095/SAEC-NOT/LE

2024/095/SAEC-NOT/LE

Pubblicato il Decreto legislativo 8 marzo 2024, n. 46 recante “Disposizioni integrative e correttive al decreto legislativo 8 novembre 2021, n. 197, di recepimento della direttiva (UE) 2019/883, del Parlamento europeo e del Consiglio, del 17 aprile 2019, relativa agli impianti portuali di raccolta per il conferimento dei rifiuti delle navi, che modifica la direttiva 2010/65/UE e abroga la direttiva 2000/59/CE” (G.U. n. 82 dell’8 aprile 2024) e che entrerà in vigore il 23 aprile 2024.

Il provvedimento che interviene sulla disciplina cui sono sottoposti gli impianti portuali per il conferimento dei rifiuti delle navi, è stato adottato:

  • per apportare modifiche volte a consentire una più chiara definizione dell’ambito applicativo di alcune disposizioni, eliminando norme superflue ovvero specificando l’oggetto e il contenuto di altre, anche avendo riguardo alla ratio legislativa e alle concrete criticità applicative riscontrate nell’applicazione del D.lgs. n. 197/2021;
  • per riscrivere alcune disposizioni del D.lgs. n. 197/2021 e superare difficoltà operative dovute al riparto delle competenze tra le Autorità di sistema portuale e le Autorità marittime coinvolte nella gestione degli impianti portuali di raccolta dei rifiuti prodotti dalle navi, nonché ad apportare correzioni dovute alla presenza di alcuni refusi.
     

Tra le altre modifiche di maggior interesse si segnalano:

  • ART. 1 (Modifiche al Titolo I del decreto legislativo 8 novembre 2021, n. 197) integra la definizione di "rifiuti delle navi" comprendendo anche i sedimenti;
  • ART. 2 (Modifiche al decreto legislativo 8 novembre 2021, n. 197 - Titolo II – Impianti portuali di raccolta):
    • modifica l’art. 4 del D.lgs. n. 197/2021 prevedendo la possibilità per i gestori degli impianti portuali di raccolta di sottoscrivere accordi con gli armatori e i Consorzi di gestione rifiuti per gestione di particolari tipologie di rifiuti e l’obbligo di garantire la conformità degli impianti portuali alle disposizioni in materia di sicurezza sui luoghi di lavoro, nonché di prevenzione incendi e di ogni altro rischio connesso all’attività svolta;
    • modifica l’art. 5 del D.lgs. n. 197/2021 al fine di precisare che i piani di gestione degli impianti portuali devono essere sottoposti alla procedura di VAS di cui agli articoli 11 e 12 del decreto legislativo n. 152 del 2006. 
  • ART. 3 (Modifiche al decreto legislativo 8 novembre 2021, n. 197 - Titolo III – Conferimento dei rifiuti delle navi):
    • modifica gli artt. 6 e 7 del decreto legislativo n. 197/2021 relativamente agli adempimenti connessi alla notifica anticipata dei rifiuti, chiarendo che l'Autorità competente a ricevere la notifica anticipata dei rifiuti da parte del comandante della nave diretta verso il porto: è l'Autorità marittima (come era già nel previgente D.lgs. n. 182/2003);
    • modifica il riparto delle competenze per quanto attiene alla definizione delle tariffe. In particolare, nei porti in cui non risulta competente l’Autorità di Sistema Portuale, la determinazione delle tariffe è assegnata all’ente locale che ha curato le procedure relative all’affidamento del servizio di raccolta e trattamento dei rifiuti delle navi, sentite le Autorità marittime;
    • modifica l’articolo 8 del D.lgs. n. 197/2021, chiarendo le modalità di applicazione della tariffa per quelle navi che fanno scalo in più porti ma possono conferire in unico porto (es: navi che svolgono servizi di linea con scali frequenti e regolari) al fine di creare un meccanismo di ripartizione dei proventi tra tutti i porti interessati dagli scali. In questo modo si contribuisce, per il principio di equità e mutualità, al mantenimento dell’impianto portuale e del servizio nel porto, indipendentemente dall’utilizzo o meno dello stesso per il conferimento dei rifiuti e in linea, ora, con quanto previsto all’art. 8 comma 6 del D.lgs. n. 197/2021;
    • modifica l’articolo 9 del D.lgs. n. 197/2021 per chiarire che talune competenze sono in capo all’Autorità marittima, in luogo del generico riferimento all’Autorità competente, e per specificare che il porto cui si riferisce il comma 2 del medesimo articolo 9 è il porto di conferimento.
  • ART. 4 (Modifiche al decreto legislativo 8 novembre 2021, n. 197 - Titolo IV - Misure esecutive):
    • modifica l’articolo 10 del D.lgs. n. 197/2021, al fine di precisare quali siano le risorse utilizzabili per assicurare la copertura finanziaria delle attività ispettive.
       

Per ogni ulteriore dettaglio si rimanda al D.lgs. n. 46/2024, riportato in allegato.

{related_entries id="fotogallery_allegata"}

Photogallery

{/related_entries}

2024/094/SA-LAV/MI

2024/094/SA-LAV/MI

Come noto, il 17 dicembre 2020, in piena emergenza pandemica, le Organizzazioni Sindacali e le Associazioni Datoriali di settore concordarono lo slittamento del rinnovo delle elezioni delle RSU e degli RLSSA, e la temporanea attribuzione di titolarità e prerogative alle segreterie territoriali delle Organizzazioni sindacali stipulanti il CCNL.

Tale sistema, a seguito di proroghe intervenute negli anni, si è poi tradotto in una prolungata fase di stallo, risolta solamente nei giorni scorsi.

Nella serata del 5 aprile è infatti pervenuta la proclamazione di indizione delle elezioni nazionali, ai sensi dell’articolo 60 del CCNL 6.12.2016 nonché del Regolamento elettorale 20.6.2017 allegato al CCNL, da parte di FP-CGIL, UILTRASPORTI e FIADEL con indicazione del 12-13-14 novembre 2024 per lo svolgimento delle operazioni elettorali.

La successiva domenica 7 aprile è pervenuta analoga comunicazione da parte della sola FIT-CISL con indizione delle elezioni e fissazione della data al 16-17 settembre pp.vv. 

Entrambe le comunicazioni risultano datate 4 aprile 2024.

L’accelerazione è ragionevolmente da imputarsi ad un provvedimento del Tribunale di Velletri, pubblicato la mattina del 5 aprile scorso, che ha condannato per condotta antisindacale ai sensi dell’articolo 28 della legge n. 300/1970 un’azienda operante in provincia di Roma che applica il CCNL “Utilitalia”; il ricorso era stato presentato da UGL-Partecipate Servizi Ambientali poiché l’azienda non aveva dato seguito alle procedure nonostante l’intervenuta indizione delle elezioni delle RSU da parte della stessa sigla sindacale in attuazione degli Accordi Interconfederali in materia, nel presupposto che il sistema convenuto nel comparto sia di fatto decaduto per la disapplicazione costante di questi ultimi anni.

In assenza dell’indizione da parte delle OO.SS. stipulanti come da CCNL e Regolamento elettorale, la tesi del Tribunale di Velletri sarebbe stata ovviamente potenzialmente applicabile in tutte le aziende che si fossero trovate, da qui in avanti, a ricevere comunicazioni di indizione delle elezioni da parte di sindacati aventi diritto, non necessariamente quelli stipulanti il CCNL; senza rispettare quindi le modalità convenute nel settore, ovvero con la tornata elettorale contestuale in tutte le aziende del comparto in unica data.

Scongiurato tale scenario con le intervenute proclamazioni dei giorni scorsi, ad oggi sussistono tuttavia due comunicazioni provenienti da Organizzazioni Sindacali stipulanti e recanti indizione di elezioni nazionali contestuali, sia pure con date diverse: ferma rimanendo l’identica posizione politica sul tema, sarà ora necessario dirimere il contrasto in ordine alla data di effettuazione delle operazioni.

{related_entries id="fotogallery_allegata"}

Photogallery

{/related_entries}

Rapporto COMIECO 2024

Rapporto COMIECO 2024

COMIECO ha approvato e pubblicato il Piano Specifico di Prevenzione che contiene i dati relativi all’andamento della raccolta e gestione dei rifiuti di imballaggi di carta e cartone svolte dal Consorzio. 

Nel 2023 il tasso di riciclo degli imballaggi di carta e cartone ha superato il 90%, un risultato ben oltre il target Ue del 2030. Infatti è ormai dal 2020 che l'Italia ricicla oltre l'85% degli imballaggi di carta e cartone e il raggiungimento nel 2023 di un tasso riciclo sopra il 90% che supera il target europeo al 2030 previsto per la filiera pari all'85% (allegato E alla Parte IV, D.lgs. n. 152/2006). 

Il Piano evidenzia che non tutte le aree del Paese vantano le stesse performance con il Sud che, pur fondamentale per la crescita della raccolta differenziata di carta e cartone, rimane ancora distante dai livelli del Nord Italia. Infatti dei circa 3,6 milioni di tonnellate di carta e cartone che si raccolgono mediamente in Italia negli ultimi anni, il Nord copre il 51% mentre il Sud arriva al 26%. Per tale ragione Comieco ha sviluppato un Piano di azione specifico per il Sud che prevede supporto e investimenti in favore dei Comuni più in difficoltà. 

Durante l’evento di presentazione, che ha visto tra gli altri la presenza di Mattia Pellegrini (DG ENV Commissione europea), Massimiliano Salini (Shadow Rapporteur PPWR e membro commissione ENVI Parlamento Europeo) e Patrizia Toia (Rapporteur Opinione ITRE PWWR e Vice Presidente Commissione ITRE Parlamento Europeo), è stato presentato anche l’aggiornamento dello studio di Nomisma commissionato da Comieco che analizza gli effetti e i benefici economici, occupazionali, ambientali e territoriali degli investimenti PNRR per la filiera della raccolta differenziata e riciclo di carta e cartone.

Per maggiori informazioni si rimanda alla pagine internet del sito Comieco dedicata, dove è anche possibile rivedere l’evento di presentazione (disponibile qui).

{related_entries id="fotogallery_allegata"}

Photogallery

{/related_entries}

2024/093/SAEC-COM/PE

2024/093/SAEC-COM/PE

In considerazione del rinnovo previsto quest’anno degli Organi dell’Associazione, il Consiglio Direttivo, riunitosi lo scorso 3 aprile 2024, ha proceduto alla nomina, in vista della prossima Assemblea Assoambiente 2024, della Commissione di designazione del prossimo Presidente, in attuazione di quanto stabilito dall’art. 9 del Regolamento Assoambiente.

La Commissione di designazione eletta - composta da Ferdinando Di Mezza (Presidente Sezione Selezione e Raccolta RU), Elena Cristina Maggioni (Presidente Sezione Rifiuti Speciali, Intermediazioni e Bonifiche), Roberto Sancinelli (Presidente Sezione Gestione Impianti RU) e Paolo Barberi (Presidente Sezione Unicircular) - avvierà a breve le consultazioni con le imprese associate per raccogliere le proposte di candidatura alla Presidenza. 

A riguardo, Vi invitiamo a collaborare con la Commissione, anche proattivamente, comunicando alla stessa le proprie proposte, anche su candidati che non sono espressione dalla propria azienda. A tale proposito si ricorda che saranno sottoposte al voto assembleare le candidature alla Presidenza che, come riportato nel citato art. 9 del Regolamento associativo, “risultino sostenute, in modo comprovato, da almeno il 15% dei voti associativi”.

Per quanto riguarda, invece, il rinnovo anche della composizione del Consiglio Direttivo Assoambiente (art. 8 del Regolamento Assoambiente), si invitano le imprese associate a segnalare alla segreteria dell’Associazione (email: assoambiente@assoambiente.org) eventuali candidature che saranno presentate in occasione dell’Assemblea. Per questioni organizzative le segnalazioni dovranno pervenire entro e non oltre il prossimo 10 giugno 2024, tenendo conto che “ogni associato esprime l’autocandidatura soltanto relativamente alla Sezione di appartenenza” eche l’esercizio di voto e di elettorato attivo e passivo è subordinato al riscontro della regolarità delle posizioni contributive

Con successive comunicazioni si provvederà a trasmettere maggiori dettagli in merito all’ordine del giorno dell’Assemblea - che anticipiamo si terrà il 3 luglio 2024 a Milano -, nonché a comunicare alle singole imprese il numero dei voti spettanti. 

{related_entries id="fotogallery_allegata"}

Photogallery

{/related_entries}

Risposta MASE su interpello su applicazione BAT

Risposta MASE su interpello su applicazione BAT

Le migliori tecniche disponibili ("BAT") e le autorizzazioni integrate ambientali (AIA) rilasciate in base ad esse, non possono imporre tecniche o tecnologie specifiche, ma solo obiettivi prestazionali. Lo ha chiarito il Ministero dell'ambiente nella risposta ad interpello del 29 marzo 2024, n. 61172 presentato dalla Provincia di Padova.

Per maggiori informazioni si rimanda alla Circolare 2024/092/SAEC-GIU/LE del 08.04.2024 pubblicata sul sito ASSOAMBIENTE.

{related_entries id="fotogallery_allegata"}

Photogallery

{/related_entries}

2024/092/SAEC-GIU/LE

2024/092/SAEC-GIU/LE

Il Ministero dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica (MASE) ha confermato che “nell’applicare la disciplina IPPC, sia le autorizzazioni, sia i documenti di riferimento comunitari, non possono fissare requisiti riguardanti l’impiego di una tecnica o tecnologia specifica dovendo piuttosto traguardare requisiti in termini prestazionali”.

Questa è la sintesi della risposta del MASE ad interpello del 29 marzo 2024, n. 61172 su un quesito di una Provincia che si trovava a riesaminare ai sensi dell'articolo 29-octies del D.lgs. n. 152/2006 le autorizzazioni integrate ambientali rilasciate per le attività indicate nell'allegato VIII, punto 6.7, Parte II, D.lgs. n. 152/2006 (“trattamento di superficie di materie, oggetti o prodotti utilizzando solventi organici"). 

Considerato che l’articolo 29 sexes, comma 4, del D.lgs. n. 152/2006, in completa coerenza con la direttiva 2010/75/UE sulle emissioni industriali (IED), chiarisce il principio generale secondo il quale l’autorizzazione fissa le condizioni in termini prestazionali, senza imporre il ricorso a specifiche tecniche o tecnologie, il MASE conferma che “la tecnica impiegata per il recupero è irrilevante ai fini dell’applicazione della nota 1 alle tabelle 11 e 17 delle Conclusioni sulle BAT di cui alla decisione di esecuzione (UE) 2020/2009, relativa ai limiti di emissioni dei composti organici volatili (Cov), a condizione che sia consentito il reimpiego/riciclaggio del solvente recuperato”.

Per ogni approfondimento tecnico si rinvia alla domanda di interpello (disponibile qui) e al riscontro del MASE (disponibile qui).

{related_entries id="fotogallery_allegata"}

Photogallery

{/related_entries}

Non solo riciclo = Economia circolare, non solo gestione e riciclo Su produzione e consumo siamo all`anno zero

Non solo riciclo = Economia circolare, non solo gestione e riciclo Su produzione e consumo siamo all`anno zero

Quotidiano di Sicilia

{related_entries id="fotogallery_allegata"}

Photogallery

{/related_entries}

Condonare le balle

Condonare le balle

Il Foglio

{related_entries id="fotogallery_allegata"}

Photogallery

{/related_entries}

ASSOAMBIENTE 05 aprile 2024

ASSOAMBIENTE 05 aprile 2024 {related_entries id="fotogallery_allegata"}

Photogallery

{/related_entries}

Pubblicato Bando AdP RAEE 2024

Pubblicato Bando AdP RAEE 2024

Disponibile sul portale del CdC RAEE il nuovo Bando finalizzato all’assegnazione di risorse economiche, messe a disposizione dai produttori di AEE tramite i Sistemi Collettivi, per l’implementazione del sistema RAEE. (disponibile qui)

Il Bando 2024 si articola in tre Misure:

  • la Misura A finanzierà opere presso il Centro di Raccolta (CdR) e l’acquisto di beni per l’operatività dello stesso;
  • La Misura B è destinata alla realizzazione di nuovi Centri di Raccolta in Comuni in cui non ne esista già uno iscritto al portale del CdC RAEE;
  • La Misura C è finalizzata alla realizzazione di progetti per la raccolta continuativa dei RAEE domestici sul territorio e di comunicazione locale.

Ogni potenziale candidato può presentare una sola domanda di ammissione al contributo e per una sola Misura.

La partecipazione al Bando è prevista nella sola modalità online, la domanda deve essere predisposta mediante l’apposita funzionalità disponibile nell’area riservata del portale del CdC RAEE www.cdcraee.it, a cui si accede con le credenziali fornite dallo stesso CdC RAEE. Il Modello di domanda e tutta la documentazione obbligatoria dovrà essere compilata e trasmessa a partire da oggi entro le ore 12.00 del 30 maggio 2024.

Trascorso tale termine, le funzionalità per la compilazione e l’invio delle domande saranno disattivate e i contenuti precedentemente inseriti saranno accessibili al proponente in sola modalità di lettura e non modificabili. Le domande in corso di compilazione, ovvero incomplete e non trasmesse, e le domande inviate oltre il termine ultimo indicato saranno considerate come non pervenute e pertanto escluse dalla valutazione.

Tutte le informazioni utili, il testo ufficiale, le FAQ, i modelli di domanda e l’Allegato 1 sono disponibili sul portale del CdC RAEE a questo link: https://www.cdcraee.it/news/pubblicato-il-bando-2024-per-lerogazione-di-contributi-economici-finalizzati-allimplementazione-del-sistema-raee/

PER TUTTE LE MISURE NON SARANNO AMMESSE ALLA VALUTAZIONE LE DOMANDE RELATIVE A CDR CHE HANNO GIÀ BENEFICIATO DI UN CONTRIBUTO NEI DUE BANDI PRECEDENTI (6 GIUGNO 2022 – 6 MARZO 2023).

La Segreteria del Bando fornisce supporto ai candidati nella fase di predisposizione della documentazione richiesta ai seguenti contatti:

attivi dal lunedì al venerdì dalle 9.00 alle 12.30 e dalle 14.00 alle 17.00.

Per maggiori informazioni si rimanda alla Circolare 2024/091/SAEC-FIN/CS del 05.04.2024 pubblicata sul sito ASSOAMBIENTE.

{related_entries id="fotogallery_allegata"}

Photogallery

{/related_entries}

2024/091/SAEC-FIN/CS

2024/091/SAEC-FIN/CS

Il Centro di Coordinamento RAEE (CdC RAEE) ha pubblicato il Bando RAEE 2024, in allegato, per l’assegnazione di risorse economiche finalizzate all’implementazione del sistema RAEE, con particolare attenzione alla fase della raccolta. Le risorse previste dal Bando sono messe a disposizione dai produttori di AEE tramite i Sistemi Collettivi e i destinatari delle stesse sono i Comuni e le società che effettuano la raccolta di rifiuti elettronici per loro conto.

Il nuovo Bando è articolato in tre Misure che differiscono per tipologia di iniziativa finanziabile e possibili soggetti richiedenti:

  • Misura A - finanzierà opere presso il Centro di Raccolta (CdR) e l’acquisto di beni per l’operatività dello stesso ed è riservata ai soggetti che risultano avere almeno un CdR (servizio C2) iscritto al CdC RAEE;
  • Misura B - è destinata alla realizzazione di nuovi CdR in Comuni in cui non ne esista già uno iscritto al portale del CdC RAEE. È riservata a Comuni, Unioni di Comuni o Consorzi di Comuni e aziende che effettuano la raccolta di RAEE per conto dei Comuni;
  • Misura C - è finalizzata alla realizzazione di progetti per la raccolta continuativa dei RAEE domestici sul territorio e di comunicazione locale ed è riservata ai soggetti che risultano avere almeno un CdR (servizio C2) iscritto al CdC RAEE.

Ogni potenziale candidato potrà presentare una sola domanda di ammissione al contributo e per una sola Misura.

La dotazione economica complessiva del presente Bando è pari per il Fondo Infrastrutturazione a € 2.858.322,67, comprensivo anche degli avanzi dei Bandi precedenti, e per il Fondo Comunicazione a € 400.000. Il totale per ciascuna Misura è ripartito come di seguito:

  • Misura A: 25% del Fondo di infrastrutturazione, per un totale di € 714.580,67.
  • Misura B: 50% del Fondo di infrastrutturazione, per un totale di € 1.429.161,34.
  • Misura C: 25% del Fondo di infrastrutturazione + 100% del Fondo di Comunicazione per un totale di € 1.114.580,67.

Rispetto all’ammontare del contributo questo varia in relazione alla misura prevista. Per la Misura A il contributo concesso per ciascuna domanda è pari all’85% del costo totale dell’intervento, fino a un importo massimo pari a € 30.000, per la Misura B è pari ad un massimo di € 75.000 per interventi di realizzazione di un nuovo CdR aperto al conferimento dei RAEE da un solo Comune e di € 100.000 per un CdR aperto al conferimento dei RAEE da più di un Comune. Infine per la Misura C il contributo massimo per ciascuna domanda è pari all’85% del costo totale dell’intervento, fino a un importo massimo di € 40.000. 

La partecipazione al Bando è prevista nella sola modalità online, la domanda dovrà essere predisposta mediante l’apposita funzionalità disponibile nell’area riservata del portale del CdC RAEE www.cdcraee.it, a cui si accede con le credenziali fornite dallo stesso CdC RAEE. Il Modello di domanda e tutta la documentazione obbligatoria dovrà essere compilata e trasmessa entro le ore 12.00 del 30 maggio 2024.

Trascorso tale termine, le funzionalità per la compilazione e l’invio delle domande saranno disattivate e i contenuti precedentemente inseriti saranno accessibili al proponente in sola modalità di lettura e non modificabili. Le domande in corso di compilazione, ovvero incomplete e non trasmesse, e le domande inviate oltre il termine ultimo indicato saranno considerate come non pervenute e pertanto escluse dalla valutazione.

Al seguente link, oltre al testo del Bando (disponibile anche in allegato), sono disponibili anche le FAQ, i modelli di domanda, l’Allegato 1 e la guida operativa https://www.cdcraee.it/news/pubblicato-il-bando-2024-per-lerogazione-di-contributi-economici-finalizzati-allimplementazione-del-sistema-raee/

{related_entries id="fotogallery_allegata"}

Photogallery

{/related_entries}

ASSOAMBIENTE – Report attività 2023

ASSOAMBIENTE – Report attività 2023

Il 2023 è iniziato con un ricco paniere normativo. A livello nazionale ricordiamo il nuovo Testo Unico SPL, il nuovo Codice dei contratti pubblici, la consultazione avviata dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri sulle priorità da affrontare ai fini del riordino, della semplificazione e della razionalizzazione normativa, senza dimenticare i lavori in corso su PNRR, la regolazione ARERA e le consultazioni avviate dal MASE su temi di derivazione UE.

L’Europa non è stata da meno. Tanti i dossier relativi alla revisione o scrittura normativa di interesse per il settore della gestione rifiuti.

L’Attività dell’Associazione non si è limitata all’interlocuzione politico-istituzionale. Anche nel 2023 Assoambiente ha continuato una intensa e quotidiana attività di comunicazione associativa “multipiattaforma”, garantendo un assiduo coinvolgimento delle imprese attraverso il coordinamento dei gruppi di lavoro tematici indispensabili per la definizione di posizioni rappresentative: idee e proposte destinate a promuovere anche azioni sinergiche con altre realtà associative nazionali per la definizione di istanze omogenee in grado di massimizzare proposte di comune interesse e ampliare, attraverso nuovi accordi e convenzioni, il raggio degli interventi strategici.  

Efficienza, flessibilità, innovazione, digitalizzazione, investimenti rappresentano sempre più le parole chiave del fare impresa di questo settore e i temi su cui si rinnova l’impegno dell’Associazione, anche per quanto riguarda l’assistenza e la consulenza tecnica necessarie a supportare la competitività delle imprese. Prima di elencare le principali iniziative intraprese nel 2023, non dobbiamo dimenticare la nostra storia associativa: i principi che da sempre ci hanno guidato e ci sorreggono, ispirati da un forte spirito imprenditoriale e da non poco pragmatismo, ci consentiranno di guardare con fiducia ad un futuro che, seppur complesso, siamo certi di affrontare insieme con tenacia e coesione.

Nel Report è disponibile una sintesi dell’attività svolta nel 2023 che, come sempre, si è articolata soprattutto attraverso le seguenti quattro direttive:

  • attività istituzionale;
  • supporto ai soci e azione su temi di interesse settore;
  • CCNL e sicurezza al lavoro;
  • comunicazione ed eventi.
     

Clicca qui per Report Attività ASSOAMBIENTE 2023

{related_entries id="fotogallery_allegata"}

Photogallery

{/related_entries}

2024/090/SA-LAV/MI

2024/090/SA-LAV/MI

Nel fare seguito alla circolare n. 50/2024 del 28 febbraio u.s. si informa che il 28 marzo l’INPS ha emanato il Messaggio in oggetto, con cui sono illustrate le modalità di presentazione delle domande di prestazioni integrative della Naspi.

La circolare citata recava la lettera con cui le Parti Istitutive del Fondo, sia sindacali che imprenditoriali, sollecitavano la Direzione Generale dell’INPS ad emanare le istruzioni relative all’attuazione della prestazione, considerando ormai che l’Istituto aveva reso note le istruzioni per il versamento dei “contributi aggiuntivi” al Fondo di Solidarietà.

Il sollecito sembra essere stato determinante, considerando che il 28 marzo l’INPS ha pubblicato quanto richiesto.

È quindi ora possibile per le aziende iscritte al Fondo utilizzare le “prestazioni integrative della NASPI“ previste nell’Accordo sindacale istitutivo del Fondo nonché nel relativo Decreto Interministeriale che ha recepito l’Accordo stesso (vedi Articolo 6, comma 1, lettera “b” e Articolo 9, comma 5, dell’Accordo 18/7/2018 come modificato il 27/12/2022– cfr. circolare Assoambiente n. 1/2023 del 3/1/2023 e circolare Assoambiente n. 273/2023 del 24/10/2023).

Le modalità attuative sono previste nel Messaggio n. 1281/2024: si ricorda che la prestazione, di concreto interesse per le aziende poiché potrebbe incentivare alcune uscite, prevede la possibilità di integrare, in termini di importo o di durata, l’indennità di disoccupazione prevista dalla legge in caso di cessazione non volontaria del rapporto di lavoro.

Le aziende interessate devono presentare apposita domanda al Comitato Amministratore del Fondo, esclusivamente per via telematica attraverso la struttura territorialmente competente dell’INPS; nel Paragrafo 3 del Messaggio sono riportate le modalità nel dettaglio.

 

{related_entries id="fotogallery_allegata"}

Photogallery

{/related_entries}

REGIONE LOMBARDIA Bando Ricircolo - filiere plastica e tessile

REGIONE LOMBARDIA Bando Ricircolo - filiere plastica e tessile

Con d.d.s. n. 5293 del 02/04/2024 Regione Lombardia ha approvato il bando “RI.CIRCO.LO. - RISORSE CIRCOLARI IN LOMBARDIA” - BANDO PER IL SOSTEGNO ALLE PMI LOMBARDE PER LO SVILUPPO DI AZIONI DI ECONOMIA CIRCOLARE. EDIZIONE DEDICATA ALLE FILIERE DELLA PLASTICA E DEL TESSILE”.

Trovate il bando con tutti i dettagli al seguente link:

https://www.regione.lombardia.it/wps/portal/istituzionale/HP/DettaglioAvviso/servizi-e-informazioni/imprese/sicurezza-ambientale-e-alimentare/gestione-dei-rifiuti/bando-contributi-economia-circolare-pmi-lombarde-tessile-plastica/bando-contributi-economia-circolare-pmi-lombarde-tessile-plastica

Per eventuali richieste di chiarimenti o informazioni è possibile scrivere all’indirizzo bandi_economiacircolare@regione.lombardia.it.

{related_entries id="fotogallery_allegata"}

Photogallery

{/related_entries}

Bando ANCI CONAI Comunicazione Locale - edizione 2024

Bando ANCI CONAI Comunicazione Locale - edizione 2024

L’Accordo di Programma Quadro ANCI-CONAI 2020 – 2024 per la raccolta e il recupero dei rifiuti di imballaggio ha confermato la particolare attenzione agli aspetti legati alla comunicazione locale, volta ad informare e sensibilizzare i cittadini alla raccolta differenziata e all’avvio a riciclo dei rifiuti di imballaggio.

Per contribuire allo sviluppo di questa importante attività di supporto alla gestione del servizio di raccolta differenziata organizzato dagli enti locali o dai soggetti da essi delegati, il sistema CONAI/Consorzi di Filiera mette a disposizione un budget totale di un milione e cinquecentomila euro, Le modalità di erogazione di queste risorse sono riportate nell’allegato documento (Linee Guida alla comunicazione locale 2024), che riporta in particolare:

  • gli indirizzi e i principi generali che devono ispirare le campagne e le attività informative, formative e di educazione degli enti locali;
  • i requisiti dei progetti di comunicazione;
  • le modalità di presentazione e approvazione dei progetti.

La struttura tecnica ANCI - CONAI, costituita con il vigente Accordo Quadro proprio con il compito di fornire assistenza e supporto agli Enti Locali e per favorire la massima partecipazione agli strumenti previsti dall’accordo, è a disposizione per chiarimenti presso ANCI all’indirizzo strutturatecnica@anci.it.

{related_entries id="fotogallery_allegata"}

Photogallery

{/related_entries}

2024/089/SA-LAV/MI

2024/089/SA-LAV/MI

Nel fare seguito alla circolare n. 78/2024 del 25 marzo u.s. si informa che diverse Segreterie Territoriali delle Organizzazioni proclamanti lo sciopero in oggetto hanno comunicato che l’astensione lavorativa si terrà nelle ultime 4 ore di ciascun turno.

{related_entries id="fotogallery_allegata"}

Photogallery

{/related_entries}

Sentenza Cassazione su responsabilità gestione rifiuti

Sentenza Cassazione su responsabilità gestione rifiuti

La Corte di Cassazione, con la sentenza n. 11617 del 20 marzo 2024, ha stabilito, esaminando gli articoli 188 “Oneri dei produttori e dei detentori” e 193 “Trasporto dei rifiuti” del D.Lgs. n. 152/2006, che i soggetti che operano nella gestione dei rifiuti sono responsabili sia della regolarità delle operazioni svolte direttamente sia della regolarità delle operazioni svolte da altri soggetti della filiera direttamente coinvolti.

Per maggiori informazioni si rimanda alla Circolare 2024/088/SAEC-GIU/CS del 03.04.2024 pubblicata sul sito ASSOAMBIENTE.

{related_entries id="fotogallery_allegata"}

Photogallery

{/related_entries}

2024/088/SAEC-GIU/CS

2024/088/SAEC-GIU/CS

La Corte di Cassazione, con la sentenza n. 11617 del 20 marzo 2024, ha stabilito, esaminando gli articoli 188 “Oneri dei produttori e dei detentori” e 193 “Trasporto dei rifiuti” del D.Lgs. n. 152/2006, che i soggetti che operano nella gestione dei rifiuti sono responsabili sia della regolarità delle operazioni svolte direttamente, sia della regolarità delle operazioni svolte da altri soggetti della filiera direttamente coinvolti.

In particolare i controlli dovranno riguardare quanto dichiarato dal produttore o dal trasportatore attraverso la verifica della regolarità/completezza dei formulari e del possesso delle prescritte autorizzazioni. 

La sentenza inoltre stabilisce che, nel caso di confisca del profitto del reato (nel caso della sentenza trattasi di attività organizzata per il traffico illecito di rifiuti), tale profitto non può essere ricondotto alla nozione di "utile netto". La confisca infatti ha lo scopo di riequilibrare lo status quo precedente la commissione del reato, pertanto va riferita a tutto ciò che consegue in via immediata e diretta al reato, senza considerare gli eventuali costi sostenuti, la cui detrazione sottrarrebbe il colpevole al rischio economico del reato. Infine, nei reati plurisoggettivi, vale il principio solidaristico per cui se non è possibile individuare "la quota di profitto concretamente attribuibile a ciascun concorrente, o la sua esatta quantificazione, il sequestro preventivo deve essere disposto per l'intero importo del profitto nei confronti di ciascuno".

Per maggiori informazioni si rimanda al testo della sentenza allegato.

{related_entries id="fotogallery_allegata"}

Photogallery

{/related_entries}

Sentenza Corte Cassazione – reflui stoccati sono rifiuti

Sentenza Corte Cassazione – reflui stoccati sono rifiuti

I reflui stoccati in attesa di un successivo smaltimento non sono soggetti alla disciplina delle acque ai sensi della Parte III del Dlgs 152/2006 ma sono rifiuti assoggettati alla Parte IV dello stesso decreto. 

Questo è quanto ha stabilito la Corte di cassazione nella Sentenza n. 6832 del 15 febbraio 2024.

Per maggiori informazioni si rimanda alla Circolare 2024/087/SAEC-GIU/LE del 02.04.2024 pubblicata sul sito ASSOAMBIENTE.

{related_entries id="fotogallery_allegata"}

Photogallery

{/related_entries}

2024/087/SAEC-GIU/LE

2024/087/SAEC-GIU/LE

I reflui stoccati in attesa di un successivo smaltimento non sono soggetti alla disciplina delle acque ai sensi della Parte III del D.lgs. n. 152/2006 ma sono rifiuti assoggettati alla Parte IV dello stesso decreto. 

Questo è quanto ha stabilito la Corte di Cassazione nella sentenza del 15 febbraio 2024, n. 6832 richiamando la distinzione tra scarico di acque reflue e rifiuto liquido.

“Si generano acque reflue di scarico soggette alla disciplina "acque" solo in presenza di uno scarico cosiddetto “diretto”, mentre si generano rifiuti liquidi, soggetti alla disciplina della Parte IV del D.lgs. n. 152/2006, solo in presenza di uno scarico qualificato come “indiretto” ovvero quando c'è un'interruzione tra il momento di produzione del liquido e lo sversamento nel corpo recettore. 

Nel caso di specie, venendo meno il requisito dell'assenza di "soluzione di continuità", i reflui stoccati in attesa di successivo smaltimento, come i liquami contenuti in pozzi neri, vasche Imhoff e bagni mobili, sono da considerarsi rifiuti liquidi di acque reflue, soggetti, pertanto, alla disciplina della Parte IV del Dlgs n. 152/2006 e non a quella delle acque di scarico, che riguarda solo i liquidi che sono direttamente immessi nel suolo, nel sottosuolo o nella rete fognaria. 

Pertanto, conclude la Corte, una loro gestione non autorizzata è punita ai sensi dell'articolo 256, D.lgs. n. 152/2006 quale gestione illecita di rifiuti.

{related_entries id="fotogallery_allegata"}

Photogallery

{/related_entries}

TQRIF ARERA: rinvio scadenza comunicazione dati sulla qualità

TQRIF ARERA: rinvio scadenza comunicazione dati sulla qualità

Con un comunicato del 28 marzo 2024, l’ARERA ha disposto una proroga degli obblighi prima previsti entro il 31 marzo 2024 in merito all’invio delle informazioni e dei dati richiesti in conformità al TQRIF. 

La nuova scadenza è il 31 maggio 2024.

Come noto, l’articolo 58 del TQRIF (Testo unico per la regolazione della qualità del servizio di gestione dei rifiuti urbani) prevede che entro il 31 marzo di ogni anno, a partire dal 2024, il gestore comunichi all'Autorità e all'Ente territorialmente competente il numero totale di utenze servite, aggiornato al 31 dicembre dell'anno precedente, suddivise per tipologia (domestica e non domestica), nonché le informazioni e i dati inerenti alle prestazioni soggette ai livelli generali di qualità, come registrati ai sensi dell'articolo 56.

Il medesimo articolo 58 prevede che, per le sole gestioni ricadenti nello Schema I, per le quali non sono previsti livelli generali di qualità, in aggiunta al numero di utenze il gestore trasmetta una relazione, firmata dal suo legale rappresentante, attestante il rispetto degli obblighi di servizio.

Con la proroga della scadenza l’invio delle informazioni e dei dati richiesti dovrà essere effettuato non oltre la data del 31 maggio 2024, tramite il portale appositamente predisposto sul sito internet dell’Autorità. La data di apertura della raccolta sarà indicata attraverso successivo comunicato sul sito ARERA, comunque garantendo agli operatori interessati un tempo congruo (pari ad almeno 30 giorni) per l’assolvimento degli obblighi di comunicazione in parola.

Ai fini della partecipazione alla raccolta dati in oggetto, i gestori sono preventivamente tenuti ad ottemperare agli obblighi di comunicazione per l’implementazione dell’Anagrafica Territoriale Rifiuti (ATRIF) di cui alla deliberazione 263/2023/E/rif.

{related_entries id="fotogallery_allegata"}

Photogallery

{/related_entries}

ASSOAMBIENTE 28 marzo 2024

ASSOAMBIENTE 28 marzo 2024 {related_entries id="fotogallery_allegata"}

Photogallery

{/related_entries}

Amministratore unico della municipalizzata dei rifiuti: valutazione ANAC su incompatibilità e conflitti di interessi

Amministratore unico della municipalizzata dei rifiuti: valutazione ANAC su incompatibilità e conflitti di interessi

Con delibera n. 136 del 13 marzo 2024 l’ANAC ha deciso che gli incarichi dirigenziali negli enti di diritto privato in controllo pubblico di livello provinciale o comunale sono incompatibili con la carica di componente di organi di indirizzo negli enti di diritto privato in controllo pubblico da parte di comuni con popolazione superiore ai 15.000 abitanti della stessa regione solo se presenti entrambi i seguenti due requisiti: l’incarico dirigenziale e la carica di componente dell’organo di indirizzo, secondo le peculiari definizioni fornite del D.lgs. 39/2013. Altrimenti non sussiste ipotesi di incompatibilità.

Per maggiori informazioni si rimanda alla Circolare 2024/086/SA-GIU/TO del 28.03.2024 pubblicata sul sito ASSOAMBIENTE.

{related_entries id="fotogallery_allegata"}

Photogallery

{/related_entries}

2024/086/SA-GIU/TO

2024/086/SA-GIU/TO

Con delibera n. 136 del 13 marzo 2024 l’ANAC ha deciso che gli incarichi dirigenziali negli enti di diritto privato in controllo pubblico di livello provinciale o comunale sono incompatibili con la carica di componente di organi di indirizzo negli enti di diritto privato in controllo pubblico da parte di comuni con popolazione superiore ai 15.000 abitanti della stessa regione solo se presenti entrambi i seguenti due requisiti: l’incarico dirigenziale e la carica di componente dell’organo di indirizzo, secondo le peculiari definizioni fornite del D.lgs. 39/2013. Altrimenti non sussiste ipotesi di incompatibilità.

La questione in oggetto era riferita ad un amministratore unico della società di rifiuti di un Comune capoluogo di regione, che riveste anche l’incarico di direttore tecnico di un’altra società in controllo pubblico, che si occupa della gestione integrata dei rifiuti della stessa provincia.

Secondo l’Autorità, all’esito di attento esame della peculiare struttura organizzativa della società e dei relativi contratti, non vi è incompatibilità in quanto l’essere responsabile della direzione tecnica non è apparso assimilabile - nel caso specifico - ad un “incarico dirigenziale” ai sensi del D.lgs. 39/2013. 

L’Autorità, però, evidenzia la potenzialità di conflitti di interessi conseguenti ad un cumulo di cariche in capo al medesimo soggetto, richiamando gli enti di appartenenza alla vigilanza di competenza.

Nel far rinvio alla delibera, allagata alla presente, restiamo a disposizione per informazioni ed aggiornamenti.

{related_entries id="fotogallery_allegata"}

Photogallery

{/related_entries}

Interpello su recupero rifiuti in R12 (allegato C, parte IV, D. Lgs. 152/2006) – risposta MASE

Interpello su recupero rifiuti in R12 (allegato C, parte IV, D. Lgs. 152/2006) – risposta MASE

Il Ministero dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica (MASE) risponde ad istanza di interpello posta dalla Provincia di Viterbo chiarendo che la possibilità di attribuire il codice R12 ad una operazione di recupero è operazione residuale che è possibile fare a “certe condizioni” e dipende anche dalla successiva destinazione dei rifiuti, oggetto di trattamento, a una delle operazioni contraddistinte dai codici da R1 a R11, escludendo di fatto la messa in riserva di rifiuti in R13.

Per maggiori informazioni si rimanda alla Circolare 2024/085/SAEC-GIU/LE del 28.03.2024 pubblicata sul sito ASSOAMBIENTE.

{related_entries id="fotogallery_allegata"}

Photogallery

{/related_entries}

2024/085/SAEC-GIU/LE

2024/085/SAEC-GIU/LE

Con istanza di interpello formulata ai sensi dell’articolo 3-septies del D.lgs. n. 152/2006, la Provincia di Viterbo ha richiesto un’interpretazione della vigente normativa in materia ambientale in merito alla possibilità di autorizzare un riavvio a messa in riserva (operazione R13), invece che a deposito temporaneo, di un rifiuto proveniente da un trattamento in R12 (“Scambio di rifiuti per sottoporli a una delle operazioni indicate da R1 a R11”).

Con riferimento al quesito posto il Ministero dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica (MASE), sulla scorta delle definizioni contenute nella normativa di riferimento rappresentata dal D.lgs. n. 152/2006 risponde che, con riferimento al codice R12, di cui all’allegato C alla parte IV del citato provvedimento, definito come “Scambio di rifiuti per sottoporli a una delle operazioni indicate da R1 a R11” è da tenere in considerazione la presenza di una nota (7), associata a tale definizione, che ne consente l’utilizzo a determinate condizioni, vale a dire “in mancanza di un altro codice R appropriato”, rappresentando lo stesso codice R12 un codice residuale. 

Il Ministero aggiunge altresì che la possibilità di attribuire il codice R12 ad una operazione di recupero dipende anche dalla successiva destinazione dei rifiuti, oggetto di trattamento, a una delle operazioni contraddistinte dai codici da R1 a R11, escludendo di fatto la messa in riserva di rifiuti in R13.

Per maggiori approfondimenti si rinvia al quesito della Provincia disponibile qui e alla risposta del MASE disponibile qui.

{related_entries id="fotogallery_allegata"}

Photogallery

{/related_entries}

IMPIANTI APERTI on The Road - La Prima Tappa: TECHEMET (Ciriè, 14 Marzo)

IMPIANTI APERTI on The Road - La Prima Tappa: TECHEMET (Ciriè, 14 Marzo)

Il viaggio per la sostenibilità fa tappa a Ciriè per la visita all’impianto di trattamento dei catalizzatori della della Società americana TECHEMET, la principale azienda del settore a livello mondiale riservata agli operatori della demolizione dei veicoli.

Per il video racconto della Tappa TECHEMET Clicca qui 

{related_entries id="fotogallery_allegata"}

Photogallery

{/related_entries}

IMPIANTI APERTI on The Road - Le tappe 2024

IMPIANTI APERTI on The Road - Le tappe 2024

Con “IMPIANTI APERTI on The Road. Il viaggio per la sostenibilità, ASSOAMBIENTE lancia l’upgrade di "Impianti Aperti", la campagna di sensibilizzazione realizzata dall’Associazione dal 2019 per promuovere la conoscenza delle infrastrutture industriali necessarie alla corretta e sostenibile gestione dei rifiuti.

IMPIANTI APERTI ON THE ROAD: UNA NUOVA FRONTIERA
La nuova edizione "Impianti Aperti on the road" prevede un ruolo attivo di Assoambiente durante le visite programmate presso gli impianti industriali. 
Ogni mese, verrà data l’opportunità ad un impianto di aprire le sue porte per consentire la partecipazione di enti locali, comitati territoriali e, in particolare, studenti interessati.
L'obiettivo di queste visite è promuovere una cultura consapevole nella gestione dei rifiuti e condividere conoscenze fondamentali sulle tecnologie utilizzate, i processi di monitoraggio, le autorizzazioni normative e il controllo delle emissioni. In questo contesto, Assoambiente metterà a disposizione la propria competenza e l'esperienza per stimolare il dialogo e il confronto costruttivo.
Inoltre, le aziende coinvolte potranno richiedere di unire alla visita all’impianto anche la possibilità di usufruire di un corso formativo su argomenti di interesse specifico. Le tematiche potrebbero includere aspetti relativi alla sicurezza, alle tariffe ARERA, al bilancio di sostenibilità, alle certificazioni, alla gestione del rischio e alle strategie di comunicazione ambientale.

Assoambiente, con il suo impegno costante nella diffusione di notizie e informazioni cruciali nel campo del waste management, ha ottonuto il patrocinio del MASE (Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare), di ANCI (Associazione Nazionale Comuni Italiani) di ISPRA (Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale) SNPA (Sistema Nazionale per la Protezione dell'Ambiente) e di Sostenibilità in Lombardia.   

Hanno aderito: TECHEMET - ORVIETO AMBIENTE SRL - ECOLOGIA VITERBO - A2A AMBIENTE - HERAMBIENTE - ORIM - EDISON NEXT e RUBBER CONVERSION

 

        

{related_entries id="fotogallery_allegata"}

Photogallery

{/related_entries}

ASSOAMBIENTE partecipa al Green Med Expo & Symposium (Napoli, 12-14 giugno).

ASSOAMBIENTE partecipa al Green Med Expo & Symposium (Napoli, 12-14 giugno).

Si terrà a Napoli dal 12 al 14 giugno il Green Med 2024. 

Per quattro edizioni il Green Med ha raccontato un Sud e una Campania come aree del Paese dove maturava il bisogno di seminare e investire per diffondere buone pratiche tra i cittadini e valorizzare le best practices di un tessuto produttivo e imprenditoriale scarsamente valorizzato.

La contaminazione ha avuto successo e da quest’anno l’evento trasloca (dalla Stazione Marittima alla Mostra d’Oltremare) per sviluppare il proprio potenziale e dare visibilità alle imprese innovative con un’ampia sezione espositiva.

La joint venture tra Ricicla.tv ed Ecomondo (da quest’anno con la collaborazione di Energy Med) è stata favorita dall’obiettivo comune di creare un grande appuntamento per la sostenibilità e l’innovazione nel settore della green economy al Sud.

ASSOAMBIENTE è tra i sostenitori del Green Med e sarà presente con un proprio spazio espositivo per l'intera durata della manifestazione. 

Il 12 giugno ore 16.00 si terrà il convegno dal titolo “IL SERVIZIO ESSENZIALE DI IGIENE AMBIENTALE: SFIDE GLOBALI E SOLUZIONI LOCALI Pubblico e privato al lavoro per il benessere delle comunità e dei territori”. 

Il Programma del Convegno sarà pubblicato prossimamente.

Per tutte le info su Green Med clicca qui

{related_entries id="fotogallery_allegata"}

Photogallery

{/related_entries}

Inerti riciclati, in arrivo end of waste e CAM infrastrutture

Inerti riciclati, in arrivo end of waste e CAM infrastrutture

Ricicla News

{related_entries id="fotogallery_allegata"}

Photogallery

{/related_entries}

Interpello su chiarimenti interpretativi sulla gestione e trattamento del percolato in discarica – Risposta del MASE

Interpello su chiarimenti interpretativi sulla gestione e trattamento del percolato in discarica – Risposta del MASE

Il MASE ha fornito indicazione in merito alla gestione del percolato prodotto dalle discariche rendendo noto il parere fornito dalla Commissione Europea che, pur con riserva dell'interpretazione della Corte di Giustizia - la quale è l'unica a poter fornire un'interpretazione giuridicamente vincolante degli atti emanati dal Consiglio e dal Parlamento – ha precisato che “la Direttiva non vieta esplicitamente la reintroduzione del colaticcio nel corpo dei rifiuti. 

Tuttavia, il suo articolo 5, paragrafo 3, lettera a) esclude la possibilità per gli Stati Membri di ammettere in discarica i rifiuti liquidi. Pertanto, qualsiasi scenario di reintroduzione del colaticcio nel corpo della discarica deve considerare il colaticcio come tale e non come rifiuto”. 

Sulla base del principio di precauzione, la Commissione raccomanda che per ogni discarica, dopo uno studio approfondito delle sue caratteristiche specifiche, le autorità italiane richiedano, tramite l’autorizzazione della discarica, che il percolato, se reintrodotto nel corpo della stessa, venga preventivamente trattato per filtrare, come minimo, metalli pesanti, sali e azoto. 

Per maggiori informazioni si rimanda alla Circolare 2024/084/SAEC-GIU/PE del 27.03.2024 pubblicata sul sito ASSOAMBIENTE.

{related_entries id="fotogallery_allegata"}

Photogallery

{/related_entries}

2024/084/SAEC-GIU/PE

2024/084/SAEC-GIU/PE

Il Ministero dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica (MASE) ha fornito indicazione in merito a interpello ex art. 3-septies del D. Lgs n. 152/2006 relativo alla gestione del percolato prodotto dalle discariche rendendo noto il parere fornito dalla Commissione Europea (parere Ref. ARES (2023)8588800 del 14 dicembre 2023) che, pur con riserva dell'interpretazione della Corte di Giustizia - la quale è l'unica a poter fornire un'interpretazione giuridicamente vincolante degli atti emanati dal Consiglio e dal Parlamento – ha precisato che “la Direttiva non vieta esplicitamente la reintroduzione del colaticcio nel corpo dei rifiuti. Tuttavia, il suo articolo 5, paragrafo 3, lettera a) esclude la possibilità per gli Stati Membri di ammettere in discarica i rifiuti liquidi. Pertanto, qualsiasi scenario di reintroduzione del colaticcio nel corpo della discarica deve considerare il colaticcio come tale e non come rifiuto”.

Il MASE aveva rivolto alla Commissione europea un quesito relativo ai seguenti temi:

  1. è possibile gestire il percolato prodotto dalle discariche mediante il ricircolo dello stesso sul corpo rifiuti?
  2. è possibile prevedere la reimmissione diretta nel corpo della discarica del concentrato ottenuto dal trattamento di filtrazione del percolato o se è necessaria, prima della reimmissione, la caratterizzazione di base nel rispetto dei criteri di ammissibilità previsti per la specifica categoria di discarica del rifiuto ottenuto dal trattamento di filtrazione?

La Commissione ha evidenziato l’impossibilità di rispondere con precisione ai quesiti del MASE per mancanza di informazioni specifiche sulle discariche interessate (numero, tipo di rifiuti trattati, anzianità e ubicazione), né sul tipo di trattamento a cui sarà sottoposto il percolato.

In materia, comunque, alla luce di quanto disposto all’Allegato I (2. Controllo delle acque e gestione del colaticcio e 3. Protezione del terreno e delle acque) e all’Allegato III (3. Dati sulle emissioni: controllo delle acque, del colaticcio e dei gas) della Direttiva 1999/31/CE sulle discariche, la Commissione ha raccomandato che, “alla luce dei requisiti legali e sulla base del principio di precauzione, che per ogni discarica, dopo uno studio approfondito delle sue caratteristiche specifiche, le autorità italiane richiedano, tramite l’autorizzazione della discarica, che il percolato, se reintrodotto nel corpo della discarica, venga preventivamente trattato per filtrare, come minimo, metalli pesanti, sali e azoto. In questi casi, i servizi della Commissione confidano che le autorità competenti garantiranno che il volume e la composizione del percolato e il comportamento di assestamento del livello del corpo della discarica (allegato III, punto 5.2 della Direttiva sulle discariche) siano debitamente controllati e monitorati in linea con l'articolo 12 (a) e l'articolo 13 (d) della Direttiva per quanto riguarda rispettivamente la fase operativa e quella successiva alla chiusura”.

Alla luce della risposta fornita dalla Commissione, il MASE ha quindi concluso che spetta quindi “alle autorità competenti al rilascio dell’autorizzazione all’esercizio dell’impianto una specifica responsabilità in termini di valutazione, sulla base delle caratteristiche fisico-chimiche del percolato e fisico-meccaniche dell’impianto, della possibilità di effettuare l’operazione di ricircolo nonché di prescrizioni operative relative al monitoraggio e controllo delle operazioni eventualmente autorizzate. Alla luce di quanto indicato si ritiene, pertanto, che i titoli autorizzativi degli impianti di smaltimento dei rifiuti, come anche stabilito dall’art. 29-octies, comma 4, lettera d) del D.lgs. n. 152/2006, debbano risultare armonizzati alle vigenti disposizioni normative”. 

Per maggiori approfondimenti si rinvia al quesito inviato dal MASE alla Commissione (disponibile qui), al parere fornito dalla Commissione Europea (disponibile qui) e al riscontro del MASE (disponibile qui).

{related_entries id="fotogallery_allegata"}

Photogallery

{/related_entries}

Pubblicata Direttiva RAEE che modifica disposizioni sulla responsabilità estesa del produttore

Pubblicata Direttiva RAEE che modifica disposizioni sulla responsabilità estesa del produttore

Lo scorso 19 marzo 2024, è stata pubblicata nella GUUE la Direttiva 2024/884/UE che modifica la direttiva 2012/19/UE sui rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche (RAEE), eliminando l’applicazione retroattiva della responsabilità estesa del produttore in ottemperanza della sentenza della Corte di Giustizia europea C-181/2020.

Per maggiori informazioni si rimanda alla Circolare 2024/083/SAEC-EUR/FA del 27.03.2024 pubblicata sul sito ASSOAMBIENTE.

{related_entries id="fotogallery_allegata"}

Photogallery

{/related_entries}

2024/083/SAEC-EUR/FA

2024/083/SAEC-EUR/FA

Lo scorso 19 marzo 2024, è stata pubblicata nella Gazzetta Ufficiale dell’Unione Europea la Direttiva 2024/884/UE che modifica la direttiva 2012/19/UE sui rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche (RAEE), eliminando l’applicazione retroattiva della responsabilità estesa del produttore in ottemperanza della sentenza della Corte di Giustizia europea C-181/20.

Si ricorda che la sentenza dichiarava invalido l’articolo 13, paragrafo 1 della direttiva 2012/19/UE perché disponeva effetto retroattivo ingiustificato: la direttiva prevedeva infatti che i produttori dovessero sostenere i costi di raccolta, trattamento, recupero e smaltimento ecocompatibile dei rifiuti di pannelli fotovoltaici, immessi sul mercato tra il 13 agosto 2005 e il 13 agosto 2012 (v. circolari Assoambiente n. 035 del 9 febbraio 2023 e n. 40 del 16 febbraio 2024).

La nuova direttiva modifica la precedente stabilendo che i costi relativi alla gestione e allo smaltimento dei rifiuti originati dai pannelli fotovoltaici spettano al produttore dei pannelli solo con riferimento ai prodotti immessi sul mercato dopo il 13 agosto 2012, ovvero la data di entrata in vigore della direttiva 2012/19/UE. 

Inoltre, per quanto di interesse, viene inserito il nuovo articolo 24-bis il quale definisce che entro il 31 dicembre 2026 la Commissione valuterà la necessità di procedere ad una revisione della direttiva stessa ed eventualmente di presentare una proposta di modifica corredata di una valutazione approfondita dell’impatto socioeconomico e ambientale. In questa fase di valutazione d’impatto verrà anche presa in considerazione la possibilità di prevedere una categoria di apparecchiature elettriche ed elettroniche denominata “pannelli fotovoltaici” al fine di separare tali apparecchi dagli altri per calcolare gli obiettivi di raccolta sulla base dei rifiuti originati dai pannelli fotovoltaici disponibili per la raccolta in funzione della loro durata di vita prevista, anziché della quantità di prodotti immessi sul mercato, nonché l’istituzione di un meccanismo volto a garantire che, in caso di fallimento o liquidazione del produttore, i futuri costi della raccolta, del trattamento, del recupero e dello smaltimento ecocompatibile dei rifiuti originati dai pannelli fotovoltaici provenienti sia dai nuclei domestici che dagli utilizzatori diversi dai nuclei domestici siano coperti.

Per ulteriori dettagli, si rimanda alla norma disponibile in allegato.

{related_entries id="fotogallery_allegata"}

Photogallery

{/related_entries}

Risposta MASE ad interpello su EoW carta e cartone

Risposta MASE ad interpello su EoW carta e cartone

Il Ministero dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica (MASE) ha risposto, attraverso lo strumento dell’interpello, ad un quesito avanzato dalla Provincia di Viterbo avente ad oggetto la possibilità di autorizzare l'esercizio di una doppia linea di recupero dei rifiuti di carta e cartone, di cui una da adibire a recupero R12 secondo i criteri specifici Eow di cui al relativo DM 118/2020 e l'altra da adibire a recupero R3 di MPS di carta e cartone di cui al Dm 5 febbraio 1998. Nella sua risposta il MASE ha chiarito che l'entrata in vigore dei criteri ministeriali per la cessazione della qualifica di rifiuto dei rifiuti di carta e cartone ha fatto decadere la possibilità di rilasciare autorizzazioni al recupero di analoga MPS. 

Per maggiori informazioni si rimanda alla Circolare 2024/082/SAEC-GIU/CS del 27.03.2024 pubblicata sul sito ASSOAMBIENTE.

{related_entries id="fotogallery_allegata"}

Photogallery

{/related_entries}

2024/082/SAEC-GIU/CS

2024/082/SAEC-GIU/CS

Il Ministero dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica (MASE) ha risposto, attraverso lo strumento dell’interpello, ad un quesito avanzato dalla provincia di Viterbo avente ad oggetto la possibilità di autorizzare in un impianto l'esercizio di una doppia linea di recupero dei rifiuti di carta e cartone, di cui una da adibire a recupero R12 secondo i criteri specifici EoW di cui al relativo DM 118/2020 e l'altra da adibire a recupero R3 di MPS di carta e cartone di cui al DM 5 febbraio 1998 (relativo a procedure semplificate di recupero dei rifiuti non pericolosi). 

Nella sua risposta il MASE ha evidenziato che, ai sensi di quanto indicato dal comma 3 dell'articolo 184-ter (“Cessazione della qualifica di rifiuto”) del D.lgs. n. 152/2006, le disposizioni del DM 5 febbraio 1998, quanto alle procedure semplificate per il recupero dei rifiuti, continuano ad applicarsi esclusivamente "in mancanza di criteri specifici adottati ai sensi del comma 2". 

Inoltre il MASE specifica che l'attività R12 (“Scambio di rifiuti per sottoporli a una delle operazioni indicate da R1 a R11”) può essere utilizzata solo qualora non sia possibile individuare un'operazione di recupero appropriata e, quindi, nel caso di specie non sembra necessario ricorrere alla stessa in quanto la corretta operazione di recupero è stata già definita con l’operazione R3 (“Riciclaggio/recupero delle sostanze organiche non utilizzate come solventi”). 

In definitiva il MASE ha chiarito che l'entrata in vigore dei criteri ministeriali per la cessazione della qualifica di rifiuto dei rifiuti di carta e cartone (DM 118/2020) ha fatto decadere la possibilità di rilasciare autorizzazioni al recupero di analoga MPS ai sensi del DM 5 febbraio 1998.

Per maggiori approfondimenti si rinvia al quesito del Comune disponibile qui e alla risposta del MASE disponibile qui.

{related_entries id="fotogallery_allegata"}

Photogallery

{/related_entries}

Rapporto EEA sullo stato dell’economia circolare in Europa

Rapporto EEA sullo stato dell’economia circolare in Europa

L'Agenzia Europea per l'Ambiente ha pubblicato un report intitolato “Accelerating the circular economy in Europe - State and outlook 2024” dove analizza gli obiettivi raggiunti e i passi ancora da fare verso modelli di business e di consumo più sostenibili. 

Il report, dopo un capitolo introduttivo che fornisce il quadro normativo, si concentra su risorse e rifiuti, le azioni circolari da implementare, il consumo e la transizione verso l’economia circolare e si chiude con un capitolo dedicato a considerazioni e raccomandazioni. 

Per maggiori informazioni si rimanda alla Circolare 2024/081/SAEC-EUR/CS del 27.03.2024 pubblicata sul sito ASSOAMBIENTE.

{related_entries id="fotogallery_allegata"}

Photogallery

{/related_entries}

2024/081/SAEC-EUR/CS

2024/081/SAEC-EUR/CS

L'Agenzia Europea per l'Ambiente (EEA) ha pubblicato un report intitolato “Accelerating the circular economy in Europe - State and outlook 2024” dove analizza gli obiettivi raggiunti e i passi necessari per raggiungere modelli di business e di consumo più sostenibili.

Il report, dopo il capitolo introduttivo sul contesto normativo, si concentra su risorse e rifiuti, le azioni circolari da implementare, il consumo e la transizione verso l’economia circolare e chiude con un capitolo dedicato a considerazioni e raccomandazioni. 

Il report evidenzia come l'Europa sia in testa nelle percentuali di utilizzo di materiali riciclati, con un "tasso di circolarità" dell'11,5% nel 2022, ma nonostante ciò le politiche europee dovrebbero insistere maggiormente sulla valorizzazione dei prodotti esistenti, implementando la progettazione ecocompatibile dei beni e puntando su una maggiore durabilità e riparabilità dei prodotti. Il tutto per garantire la piena attuazione del Piano d'azione per l'economia circolare adottato dalla Commissione UE l'11 marzo 2020 nell'ambito del Green deal europeo. 

Il capitolo 2 si concentra sui rifiuti e la loro gestione evidenziando la necessità di una maggiore attenzione in quanto, con gli attuali livelli, l'Europa difficilmente riuscirà a raggiungere gli obiettivi di riduzione della produzione dei rifiuti e riciclo fissati per il 2030. Il tasso di riciclaggio dei rifiuti, anche se aumentato nel tempo, non ha infatti registrato incrementi rilevanti negli ultimi anni (l'Ue ha fissato l'obiettivo vincolante di riciclaggio dei rifiuti urbani del 60% entro il 2030). 

A diminuire è anche la percentuale di rifiuti smaltiti in discarica con una crescita dei residui derivanti dal trattamento dei rifiuti avviati a questo trattamento. Ciò a testimonianza del fatto che ad oggi sono considerevolmente maggiori i quantitativi di rifiuti che subiscono un trattamento prima della discarica.

Le raccomandazioni finali del report possono essere riassunte come di seguito:

  • considerando l'impatto intrinseco dell'estrazione e della lavorazione delle risorse e l'impossibilità di una circolarità al 100%, è fondamentale dare priorità alla riduzione dell'uso delle risorse e orientarsi verso un'economia meno intensiva per quanto riguarda l’uso dei materiali;
  • il successo su larga scala dell’economia circolare si basa principalmente sul ritorno nel mercato di quantità importanti di materie prime secondarie di alta qualità;
  • l'Europa da sola non è in grado di frenare l'uso insostenibile delle risorse su scala planetaria, sarebbe pertanto necessario adottare un solido quadro di governance globale sull'uso delle risorse e sull'economia circolare.

Per maggiori informazioni si rimanda al testo del report (in inglese) in allegato.

{related_entries id="fotogallery_allegata"}

Photogallery

{/related_entries}

Impianti Minimi ARERA: Il Senato adotta risoluzione per istituire un tavolo di lavoro congiunto          

Impianti Minimi ARERA: Il Senato adotta risoluzione per istituire un tavolo di lavoro congiunto              

L’ottava Commissione Ambiente del Senato ha approvato il 26 marzo 2024 la risoluzione a prima firma della senatrice di Italia Viva Silvia Fregolent con la quale si impegna il governo ad istituire un tavolo di lavoro che “analizzi il Programma Nazionale di Gestione dei Rifiuti, con particolare riferimento ai criteri di identificazione degli impianti ‘minimi'”.

Per maggiori informazioni si rimanda alla Circolare 2024/080/SA-GIU/TO del 27.03.2024 pubblicata sul sito ASSOAMBIENTE.

{related_entries id="fotogallery_allegata"}

Photogallery

{/related_entries}

2024/080/SA-GIU/TO

2024/080/SA-GIU/TO

L’ottava Commissione Ambiente del Senato ha approvato il 26 marzo 2024 la risoluzione a prima firma della Senatrice Silvia Fregolent (IV) con la quale si impegna il Governo ad istituire un tavolo di lavoro che “analizzi il Programma Nazionale di Gestione dei Rifiuti, con particolare riferimento ai criteri di identificazione degli impianti ‘minimi'”.

La misura impegna il Governo - in particolare il MASE - a fare chiarezza sul meccanismo delle tariffe al cancello per gli impianti di chiusura del ciclo rifiuti introdotto da ARERA; meccanismo che dopo gli esiti della giustizia amministrativa e gli ulteriori provvedimenti dell’Autorità oggi prevede che per il 2024 e 2025 saranno sempre le Regioni ad individuare gli “impianti minimi”, cioè quelli indispensabili alla chiusura del ciclo, da assoggettare a un regime di tariffe regolate. 

Prendendo atto del pronunciamento del Consiglio di Stato, ARERA ha subordinato l’individuazione degli “impianti minimi” ai parametri del Programma Nazionale di Gestione dei Rifiuti, parametri che la risoluzione approvata dal Senato chiede ora di analizzare nel dettaglio, per chiarirne definitivamente l’applicazione. 

Il tavolo di Lavoro da Istituirsi sarà composto dal Ministero, da ARERA e ISPRA, sentiti i soggetti interessati. 

Assoambiente, che segue costantemente i temi regolatori, non mancherà di monitorare il proseguo dei lavori sul tema, partecipando attivamente ad ogni iniziativa.

Nel far rinvio alla risoluzione, allagata alla presente, restiamo a disposizione per informazioni ed aggiornamenti.

{related_entries id="fotogallery_allegata"}

Photogallery

{/related_entries}

Schema EoW spazzamento stradale – consultazione MASE fino al 19 aprile 2024

Schema EoW spazzamento stradale – consultazione MASE fino al 19 aprile 2024

Il MASE ha posto in consultazione lo Schema di Regolamento recante disciplina della cessazione della qualifica di rifiuti da spazzamento stradale ai sensi dell’articolo 184-ter, comma 2, del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152 (cd. “EoW Spazzamento stradale”).

L’adozione del decreto posto in consultazione pubblica dovrebbe consentire l’intercettazione e la gestione in maniera adeguata del flusso di rifiuti derivante dalla pulizia stradale, massimizzando il recupero di materiale inerte.

Per maggiori informazioni si rimanda alla Circolare 2024/079/SAEC-NOT/PE del 27.03.2024 pubblicata sul sito ASSOAMBIENTE.

{related_entries id="fotogallery_allegata"}

Photogallery

{/related_entries}

2024/079/SAEC-NOT/PE

2024/079/SAEC-NOT/PE

Il MASE ha posto in consultazione lo Schema di Regolamento recante disciplina della cessazione della qualifica di rifiuti da spazzamento stradale ai sensi dell’articolo 184-ter, comma 2, del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152 (cd. “EoW Spazzamento stradale”).

L’adozione del decreto posto in consultazione pubblica dovrebbe consentire l’intercettazione e la gestione in maniera adeguata del flusso di rifiuti derivante dalla pulizia stradale, massimizzando il recupero di materiale inerte.

Come riportato sul sito del Ministero, lo Schema di Regolamento è composto da 8 articoli e 3 allegati tecnici e stabilisce:

  1. il flusso di rifiuti interessato (20.03.03 residui della pulizia stradale; 20.03.06 rifiuti della pulizia delle fognature, limitatamente ai rifiuti derivanti dalle operazioni di pulizia delle caditoie stradali);
  2. i criteri di conformità ai fini della cessazione della qualifica di rifiuto;
  3. gli scopi specifici di utilizzabilità;
  4. gli obblighi documentali.

I criteri end of waste (EoW) da rispettare sono contenuti in allegato 1 al regolamento, mentre in allegato 2 sono indicati gli scopi specifici per i quali è utilizzato il materiale inerte recuperato. Introdotto l’articolo 7 “monitoraggio”, che decorre dall’entrata in vigore del provvedimento, al fine di prevedere una verifica della operatività concreta dei criteri e dei parametri fissati per il recupero di questa tipologia di rifiuti.

Durante la fase di consultazione, che si concluderà il 19 aprile 2024, potranno essere inviate proposte di integrazione/modifica del testo, utilizzando le modalità e la scheda predisposta. A riguardo, segnaliamo che il testo e la documentazione necessaria per partecipare alla consultazione, che ad ogni buon fine si allegano ala presente, sono disponibili al seguente link.

Al fine di poter trasmettere - in tempi utili – al Ministero anche il contributo associativo, siamo a chiederVi di inoltrare all’indirizzo d.cesaretti@fise.org entro (e non oltre) il 12 aprile 2024 vostri i riscontri in materia.

Nel ringraziarvi per la collaborazione, rimaniamo a disposizione per informazioni e aggiornamenti.

{related_entries id="fotogallery_allegata"}

Photogallery

{/related_entries}

ASSOAMBIENTE al fianco della D𝗲𝗰𝗶𝗺𝗮 E𝗱𝗶𝘇𝗶𝗼𝗻𝗲 𝗱𝗶 𝗞𝗲𝗲𝗽 𝗖𝗹𝗲𝗮𝗻 𝗮𝗻𝗱 𝗥𝘂𝗻

ASSOAMBIENTE al fianco della D𝗲𝗰𝗶𝗺𝗮 E𝗱𝗶𝘇𝗶𝗼𝗻𝗲 𝗱𝗶 𝗞𝗲𝗲𝗽 𝗖𝗹𝗲𝗮𝗻 𝗮𝗻𝗱 𝗥𝘂𝗻

Presentata in Conferenza Stampa la Decima Edizione della manifestazione Keep Clean and Run, il plogging (ovvero la corsa raccogliendo i rifiuti) più lungo del mondo, manifestazione patrocinata dall’ente ministeriale, che si svolgerà dal 17 al 23 aprile prossimi con partenza dall’area metropolitana di Torino e ultima tappa a Roma

L’evento sportivo vuole sensibilizzare i territori sulle tematiche legate all’abbandono dei rifiuti e in particolare sul fenomeno molto diffuso del littering, ovvero l’abbandono di piccola immondizia, attraverso il coinvolgimento di cittadini e ragazzi in un’attività sportiva come il plogging, disciplina battezzata dallo svedese Erik Ahlström e oggi diffusa in tutto il pianeta. 

Dopo aver percorso tutta l’Italia nelle precedenti nove edizioni, quest’anno Keep Clean and Run toccherà, dal 17 al 23 aprile, sette diverse aree metropolitane dove Roberto Cavallo e i plogger che lo accompagneranno porteranno a termine l’impresa di realizzare sette maratone, non solo correndo, ma anche raccogliendo i rifiuti che incontreranno lungo i tracciati. 

Un format che prevede il coinvolgimento e il dialogo con le amministrazioni comunali, le scuole e le associazioni sportive e ambientali dei territori. Le aree metropolitane interessate saranno: Torino (17 aprile), Milano (18 aprile), Bologna (19 aprile), Firenze (20 aprile), Perugia e Assisi (21 aprile), L’Aquila (22 aprile, evento in occasione della giornata mondiale della Terra) e Roma (23 aprile), i comuni coinvolti in totale 40. 

Keep Clean and Run - Decima Edizione ha il Patrocinio del Ministero dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica. Main sponsor è A2A, i Gold sponsor sono Erion Care e Greentire, i Partner ASSOAMBIENTE, Assocarta, Corepla, Ricrea, Scarpa e Utilitalia. 
 

{related_entries id="fotogallery_allegata"}

Photogallery

{/related_entries}

Le risorse ci sono basta usarle meglio

Le risorse ci sono basta usarle meglio

L'Economia del Corriere della Sera

{related_entries id="fotogallery_allegata"}

Photogallery

{/related_entries}

2024/078/SA-LAV/MI

2024/078/SA-LAV/MI

Con lettera del 25 marzo, le organizzazioni di categoria FP-CGIL e UIL-Trasporti hanno comunicato l’adesione allo sciopero generale indetto dalle rispettive Confederazioni per la durata di 4 ore nella giornata dell’11 aprile p.v.

Le Organizzazioni hanno altresì dichiarato il rispetto delle normative vigenti nonché della regolamentazione di settore 1 marzo 2001 in materia di sciopero nei servizi pubblici essenziali

{related_entries id="fotogallery_allegata"}

Photogallery

{/related_entries}

2024/077/SA-LAV/MI

2024/077/SA-LAV/MI

Si fa seguito alla circolare n. 62/2024 del 14 marzo u.s. in relazione a quanto in oggetto.

Nell’invitare le aziende, che non avessero già provveduto, a fornire i dati richiesti con la circolare citata, si allega la comunicazione della Fondazione n. 125 del 21 marzo u.s. con cui è possibile, cliccando sui link evidenziati, collegarsi al sito della Fondazione ed evidenziare i fabbisogni formativi di ciascuna azienda.

Nella stessa comunicazione, a pagina 2, è presente un altro link, cliccando il quale è possibile compilare un modulo anagrafico utile per fornire i dati necessari allo svolgimento dell’attività formativa.

Si precisa che la Fondazione considera già iscritte, ed aventi diritto quindi fin d’ora ai servizi forniti, tutte le aziende che applicano il CCNL Servizi Ambientali, sia esso il CCNL 10.7.2016 sia esso il CCNL Assoambiente 6.12.2016, rinnovati congiuntamente il 18.5.2022, proprio perché, in quanto applicano uno dei due contratti, sono tenute alla corresponsione dei contributi previsti.

A tale proposito, come anticipato nella circolare Assoambiente n. 62/2024 citata, sarà cura della Fondazione contattare le aziende verso la fine del prossimo mese di aprile al fine di fornire le indicazioni necessarie per effettuare il versamento.

Si allega inoltre documento recante modalità per l’utilizzo del Portale “Libretto formativo del lavoratore.

{related_entries id="fotogallery_allegata"}

Photogallery

{/related_entries}

ASSOAMBIENTE 22 marzo 2024

ASSOAMBIENTE 22 marzo 2024 {related_entries id="fotogallery_allegata"}

Photogallery

{/related_entries}

Proposta di Regolamento sui materiali plastici a contatto con gli alimenti – Avviata consultazione pubblica

Proposta di Regolamento sui materiali plastici a contatto con gli alimenti – Avviata consultazione pubblica

Lo scorso 13 marzo 2024, la Commissione Europea ha aperto una consultazione pubblica per ricevere contributi riguardo la proposta di regolamento che modifica il regolamento (UE) 10/2011 sui materiali plastici e sugli oggetti destinati a venire a contatto con gli alimenti e il regolamento (CE) 2023/2006 sulle buone pratiche di fabbricazione per la plastica riciclata destinata a venire a contatto con gli alimenti.

La consultazione termina il prossimo 10 aprile 2024.

Per maggiori informazioni si rimanda alla Circolare 2024/076/SAEC-EUR/FA del 22.03.2024 pubblicata sul sito ASSOAMBIENTE.

{related_entries id="fotogallery_allegata"}

Photogallery

{/related_entries}

2024/076/SAEC-EUR/FA

2024/076/SAEC-EUR/FA

Lo scorso 13 marzo 2024, la Commissione Europea ha aperto una consultazione pubblica per ricevere contributi riguardo la proposta di Regolamento che modifica il Regolamento (UE) 10/2011 sui materiali plastici e sugli oggetti destinati a venire a contatto con gli alimenti e il Regolamento (CE) 2023/2006 sulle buone pratiche di fabbricazione per la plastica riciclata destinata a venire a contatto con gli alimenti.

La proposta della Commissione mira a rafforzare il controllo di qualità sui materiali di plastica a contatto con gli alimenti e a garantire l’allineamento con il resto della normativa relativa alla plastica riciclata e ai biocidi. 

Tra le novità previste si evidenziano l’introduzione principio dell'“elevato grado di purezza” per le sostanze ottenute da rifiuti e materiali naturali, nonché l'adattamento ai materiali multistrato dei test ripetuti e i test di migrazione per verificare il trasferimento di sostanze chimiche dal materiale all'alimento, a fronte del fatto che questi possono presentare gli stessi rischi potenziali per la salute dei materiali o oggetti di plastica.

Per quanto di interesse, si specifica che l’articolo 8 indica che le sostanze utilizzate nella fabbricazione di materiali e oggetti di plastica, compresi quelli fabbricati a partire da rifiuti, devono avere un elevato grado di purezza e una qualità tecnica adeguata all'uso previsto e prevedibile dei materiali o oggetti, con riferimento all'elenco delle sostanze dell'Allegato 1 del Regolamento. Per le sostanze non elencate nell'allegato 1 vengono proposte alternative per soddisfare i criteri di purezza di cui sopra.

La proposta normativa stabilisce inoltre che i produttori di tali materiali, in caso di richiesta, dovranno mettere a disposizione delle autorità competenti i dati riguardanti la composizione delle sostanze utilizzate.

Per qualsiasi approfondimento si rimanda al testo e all’allegato della proposta di norma (in inglese), allegati alla presente.

È possibile partecipare alla consultazione, disponibile qui, entro il prossimo 10 aprile 2024. Al fine di poter predisporre un contributo associativo, chiediamo gentilmente a quanti interessati, di inviare il proprio feedback anche all’indirizzo g.fano@fise.orgentro il prossimo 3 aprile 2024.

{related_entries id="fotogallery_allegata"}

Photogallery

{/related_entries}

ANAC ed energia da Termovalorizzatore: la Regione può chiedere parte dei maggiori introiti

ANAC ed energia da Termovalorizzatore: la Regione può chiedere parte dei maggiori introiti

L’Anac con parere il parere consultivo n.12 del 6 marzo 2024 ha stabilito che i forti aumenti del costo dell’energia elettrica a seguito della pandemia da Covid e dell’invasione russa dell’Ucraina, possono formare oggetto di valutazione da parte della stazione appaltante al fine di procedere, in accordo con l’appaltatore, ad una revisione delle condizioni economiche dell’appalto, anche a vantaggio della parte pubblica, nel rispetto dei principi di correttezza e buona fede contrattuale.

Per maggiori informazioni si rimanda alla Circolare 2024/075/SA-GIU/TO del 22.03.2024 pubblicata sul sito ASSOAMBIENTE.

{related_entries id="fotogallery_allegata"}

Photogallery

{/related_entries}

2024/075/SA-GIU/TO

2024/075/SA-GIU/TO

L’ANAC con parere consultivo n.12 del 6 marzo 2024, rispondendo ad una amministrazione regionale, ha stabilito che i forti aumenti del costo dell’energia elettrica a seguito della pandemia da Covid e dell’invasione russa dell’Ucraina, possono formare oggetto di valutazione da parte della stazione appaltante al fine di procedere, in accordo con l’appaltatore, ad una revisione delle condizioni economiche dell’appalto, anche a vantaggio della parte pubblica, nel rispetto dei principi di correttezza e buona fede contrattuale.

In sostanza, secondo ANAC “la richiesta, rivolta all’appaltatore, di restituzione delle somme per maggiori profitti derivanti dalla vendita di energia elettrica prodotta dal termovalorizzatore negli anni 2021 e 2022 è giustificata poiché, negli anni 2021 e 2022 si sono registrati dati anomali rispetto al pregresso periodo 2011-2020, con un incremento esponenziale del corrispettivo economico in favore del gestore, strettamente correlato e/o consequenziale al conflitto in Ucraina, in aggiunta alle conseguenze derivanti dalla pandemia da Covid-19. Tali eventi hanno avuto indubbi riflessi in ambito contrattuale, con specifico riferimento all'aumento dei prezzi anche di vendita dell’energia elettrica e, quindi, dei proventi realizzati dall’appaltatore”.

ANAC continua sul punto: “In considerazione della natura pubblica del contraente Regione – che in quanto tale redistribuisce ai cittadini i maggiori proventi della vendita dell’energia elettrica riducendo la tariffa per il conferimento dei rifiuti all’impianto – è stato chiesto all’appaltatore di provvedere a versare alla Regione, a saldo per le annualità 2021 e 2022, somme corrispondenti alla quota eccedente incassata dall’appaltatore, calcolata con le modalità indicate nell’istanza di parere”.

Conclude l’Autorità stabilendo che: “l’Amministrazione possa valutare l’opportunità di procedere – in accordo con l’appaltatore - ad una revisione delle condizioni economiche dell’appalto, alla luce degli eventi straordinari intervenuti successivamente alla stipula del contratto e discendenti dal conflitto in Ucraina e all’emergenza sanitaria da Covid-19, secondo i principi di correttezza e buona fede contrattuale, valutando tuttavia se tali modifiche costituiscano revisioni sostanziali del contratto d’appalto, non ammesse dall’ordinamento comunitario, nei termini indicati dalla giurisprudenza”.

Nel far rinvio al parere, allagato alla presente, restiamo a disposizione per informazioni ed aggiornamenti.

{related_entries id="fotogallery_allegata"}

Photogallery

{/related_entries}

Nuove procedure per la gestione dei procedimenti di bonifica dei siti contaminati - Portale Siti Contaminati Regione Lombardia

Nuove procedure per la gestione dei procedimenti di bonifica dei siti contaminati - Portale Siti Contaminati Regione Lombardia

Regione Lombardia nel corso di un recente incontro ha presentato il Portale Siti Contaminati (PSC), realizzato da ARPA Lombardia, mediante il quale saranno gestiti i procedimenti di bonifica dei siti contaminati di cui alla Parte IV Titolo V del D.lgs. n. 152/2006. 

In vista dell’entrata in funzione del PSC  - a partire da luglio 2024 – la Regione ha previsto una fase di formazione on line, articolata in sessioni dedicate ai vari soggetti coinvolti: per gli operatori e i professionisti del settore la fase formativa è programmata per il mese di maggio, indicativamente nella seconda metà del mese (15 e 20 maggio 2024), con modalità che verranno successivamente comunicate.

Per maggiori informazioni si rimanda alla Circolare 2024/074/SAEC-SUO/PE del 21.03.2024 pubblicata sul sito ASSOAMBIENTE.

{related_entries id="fotogallery_allegata"}

Photogallery

{/related_entries}

2024/074/SAEC-SUO/PE

2024/074/SAEC-SUO/PE

Regione Lombardia nel corso di un recente incontro ha presentato il Portale Siti Contaminati (PSC), realizzato da ARPA Lombardia, mediante il quale saranno gestiti i procedimenti di bonifica dei siti contaminati di cui alla Parte IV Titolo V del D.lgs. n. 152/2006. 

In termini di supporto alle amministrazioni comunali, il PSC consentirà:

  • una gestione guidata e standardizzata dei procedimenti;
  • l’acquisizione di dati e informazioni aggiornati sullo stato di avanzamento dei procedimenti nel proprio territorio;
  • uno scambio costante di informazioni con i soggetti privati e pubblici coinvolti.
     

Il Portale sarà comunque a disposizione non solo dei Comuni, delle Province ma anche di tutti gli operatori pubblici e privati che intraprendono un’operazione di bonifica.

L’uso del Portale - quale strumento parallelo alla banca dati AGISCO (Anagrafe e Gestione Integrata Siti Contaminati), che continuerà a rappresentare lo strumento informatico principale per la gestione dei procedimenti di bonifica - sarà reso obbligatorio con apposito atto regionale.

In vista dell’entrata in funzione del PSC  - a partire da luglio 2024 – la Regione ha previsto una fase di formazione on line, articolata in sessioni dedicate ai vari soggetti coinvolti. Per gli operatori e i professionisti del settore la fase formativa è programmata per il mese di maggio, indicativamente nella seconda metà del mese (15 e 20 maggio 2024), con modalità che verranno successivamente comunicate.

Si rimanda alla presentazione di ARPA Lombardia, riportata in allegato, per ulteriori dettagli in merito alle finalità, le funzionalità del Portale e i ruoli dei soggetti coinvolti, sia pubblici sia privati, interessati dalle procedure operative e amministrative definite dalla normativa per i procedimenti di bonifica.

{related_entries id="fotogallery_allegata"}

Photogallery

{/related_entries}

Rapporto annuale CdC RAEE 2023

Rapporto annuale CdC RAEE 2023

Pubblicato sul sito del CdC RAEE il report che presenta i dati ufficiali e completi sulla raccolta dei rifiuti elettronici in Italia: volumi complessivi, valori pro capite, andamenti dei raggruppamenti e quantitativi avviati a riciclo dalle singole regioni sono tra i principali risultati disponibili.

La versione pdf prevede una sezione iniziale dedicata a spiegare il funzionamento del sistema RAEE e le attività realizzate dal Centro di Coordinamento nel corso dell’anno per favorire la raccolta dei rifiuti elettronici.

Nel 2023 in tutta Italia sono state raccolte 348.051 tonnellate di Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche

Nel report, il CDC RAEE ha precisato che dopo l’ultimo ritiro (86.651 ton) dell’ultimo trimestre del 2023 la raccolta nazionale ha superato di poco le 348mila tonnellate, segnando una flessione del – 3,5% rispetto ai risultati del 2022. Tale riduzione, scrive il Consorzio: “è dovuta esclusivamente ai minori volumi del Raggruppamento 3 – Tv e monitor che dopo la crescita forzata degli anni precedenti, ha subito un calo del 32,9%”. Tutti gli altri raggruppamenti hanno chiuso l’anno con performance a segno positivo: gli apparecchi per lo scambio di temperatura con fluidi (R1) avviati a corretto riciclo sono aumentati in peso del 2,2%, gli altri grandi bianchi (R2) del 3,3%, le sorgenti luminose (R5) del 3,5%. L’incremento maggiore in termini percentuali riguarda il raggruppamento 4: la raccolta di piccoli elettrodomestici ed elettronica di consumo è cresciuta del 6,5% rispetto al 2022.

Novità di quest’anno, al Rapporto annuale si affiancano 20 Rapporti regionali che propongono i risultati della raccolta dei RAEE dettagliati regione per regione.

Il Report è disponibile qui: https://www.cdcraee.it/rapporti-raee/rapporto-annuale-2023/

  

{related_entries id="fotogallery_allegata"}

Photogallery

{/related_entries}

Aggiornamento mensile FEAD su UE policy – 22 marzo 2024 ore 11.00

Aggiornamento mensile FEAD su UE policy – 22 marzo 2024 ore 11.00

FEAD organizza mensilmente un incontro via web della durata di un’ora in cui vengono sintetizzate le principali tematiche in corso di esame a livello europeo.

Il prossimo incontro si terrà il 22 marzo, dalle ore 11.00 alle ore 12.00. 

Per maggiori informazioni si rimanda alla Circolare 2024/073/SAEC-EUR/PE del 21.03.2024 pubblicata sul sito ASSOAMBIENTE.

{related_entries id="fotogallery_allegata"}

Photogallery

{/related_entries}

2024/073/SAEC-EUR/PE

2024/073/SAEC-EUR/PE

FEAD organizza mensilmente un incontro via web della durata di un’ora in cui vengono sintetizzate le principali tematiche in corso di esame a livello europeo. 

Per quanti interessati segnaliamo che il prossimo incontro si terrà il 22 marzo, dalle ore 11.00 alle ore 12.00. 

L’incontro sarà occasione per un aggiornamento in particolare su: 

  • Packaging and Packaging Waste Regulation (PPWR)
  • Industrial Emissions Directive (IED)
  • Microplastics in the environment
  • Wastewater reuse in agriculture
  • Soil Monitoring Law (SML)
  • Green Claims Directive
  • Future JRC study – Chemical recycling
  • 8th Environmental Action Programme
  • European Elections 2024
  • ­FEAD reply to the most recent consultations and upcoming consultations and deadlines
     

Di seguito il seguente link per seguire evento:
Microsoft Teams meeting 
Join on your computer, mobile app or room device
Click here to join the meeting 
Meeting ID: 350 750 248 939 
Passcode: LFi3cx 

Per eventuali richieste o quesiti, potete rivolgerVi alla D.ssa Fano (g.fano@fise.org).

{related_entries id="fotogallery_allegata"}

Photogallery

{/related_entries}

ALBO GESTORI – rinnovo idoneità RT “transitorio” entro il 15 aprile 2024

ALBO GESTORI – rinnovo idoneità RT “transitorio” entro il 15 aprile 2024

Le imprese il cui legale rappresentante esercita provvisoriamente le funzioni di RT ai sensi della Deliberazione Albo gestori n. 5/2023 devono nominare, entro il 15 aprile 2024, un responsabile in possesso dei requisiti di idoneità previsti dalla Deliberazione n. 6/2017 che ha rivisitato i requisiti necessari per ricoprire tale funzione. 

Per maggiori informazioni si rimanda alla Circolare 2024/072/SAEC-ALB/LE del 21.03.2024 pubblicata sul sito ASSOAMBIENTE.

{related_entries id="fotogallery_allegata"}

Photogallery

{/related_entries}

2024/072/SAEC-ALB/LE

2024/072/SAEC-ALB/LE

Le imprese il cui legale rappresentante esercita provvisoriamente le funzioni di responsabile tecnico (RT) ai sensi della Deliberazione Albo gestori n. 5/2023 (cfr. circolare Assoambiente n. 264/2023) devono nominare, entro il 15 aprile 2024, un responsabile in possesso dei requisiti di idoneità previsti dalla Deliberazione n. 6/2017.

La scadenza riguarda le aziende i cui responsabili tecnici in carica alla data del 16 ottobre 2017 (giorno di entrata in vigore della Deliberazione 6/2017 che ha rivisitato i requisiti necessari per ricoprire tale funzione), non hanno effettuato/superato l'esame per l'aggiornamento dell'idoneità entro il 16 ottobre 2023 (data finale del regime transitorio).

Si ricorda infatti che tali aziende sono autorizzate a proseguire l'attività con il legale rappresentante che esercita anche le funzioni di RT per un massimo di 180 giorni (ex Deliberazione n. 5/2023). Durante il periodo di prosecuzione dell'attività dell'impresa, come chiarisce la Circolare Albo gestori ambientali n. 3/2023 (cfr. circolare Assoambiente n. 258/2023) l'idoneità del responsabile tecnico verrà ripristinata in automatico a seguito dell'eventuale superamento della verifica da parte dello stesso mentre l’eventuale nomina di un nuovo responsabile tecnico dovrà essere oggetto di apposita istanza da parte dell’impresa alla Sezione competente per territorio.

Decorsi invece trenta giorni dalla scadenza del 15/4/2024 senza che un RT in possesso dei requisiti richiesti venga nominato, l'Albo gestori ambientali avvierà - ai sensi della Deliberazione n. 1/2020 - il procedimento disciplinare finalizzato a cancellare dalle autorizzazioni le categorie carenti di RT idoneo. 

Si ritiene utile ricordare che il calendario delle sessioni di verifica per il 2024, ordinarie e straordinarie, è stato pubblicato dallo stesso Albo gestori il 4 dicembre 2023 (cfr. circolare Assoambiente n. 322/23).

{related_entries id="fotogallery_allegata"}

Photogallery

{/related_entries}

2024/071/SA-LAV/MI

2024/071/SA-LAV/MI

Dopo un iter lungo e complesso, il Ministero del Lavoro ha finalmente pubblicato in uno specifico Decreto l’aggiornamento dei costi del lavoro derivanti dall’applicazione dell’Accordo con cui il 18 maggio 2022 si sono rinnovati il CCNL Assoambiente 6 dicembre 2016 e il CCNL Utilitalia 10 luglio 2016, ai sensi dell’articolo 41, comma 13, del nuovo “Codice degli Appalti” (decreto legislativo n. 36/2023).

Per la prima volta nel settore dell’igiene ambientale non sono quindi stati pubblicati due distinti Decreti con le relative tabelle, ma un unico provvedimento con la tabella unificata, che tiene conto anche delle differenze residue tra i due CCNL, sia pure ormai sostanzialmente irrilevanti rispetto ai costi complessivi.

Le tabelle coprono l’intera vigenza del CCNL 18 maggio 2022, in sei periodi distinti (luglio 2022, gennaio 2023, luglio 2023, ottobre 2023, gennaio 2024, luglio 2024), relativi ciascuno all’erogazione di un aumento dei minimi retributivi ovvero delle contribuzioni al Fondo Previambiente o al Fondo FASDA.

Rispetto alle precedenti tabelle relative al CCNL 6 dicembre 2016 (pubblicate con il Decreto Direttoriale n. 70 dell’1 agosto 2017) le principali differenze sono le seguenti.

  • Importo fisso convenzionale:

sono importi erogati distintamente in ciascun CCNL: nel caso del CCNL Assoambiente sono elementi “ad personam” legati ad al CCNL 30.4.2003 mentre per il CCNL Utilitalia sono EDR ex festività. 

Le aziende che applicano il CCNL Assoambiente sono tenute ad erogare l’importo alle condizioni spettanti e non l’elemento previsto nel CCNL Utilitalia, e viceversa. 

Nella tabella è riportato, per ciascun livello, l’importo maggiore dei due.

  • Indennità convenzionale:

analogamente a quanto sopra, detto importo corrisponde, nel caso del CCNL Assoambiente, all’indennità lavaggio indumenti mentre per il CCNL Utilitalia trattasi della festività cadente di sabato, retribuita per i lavoratori in forza a una certa data.

È comunque opportuno precisare che tali voci “convenzionali” determinano una differenza di costo per il livello 3A dello 0,1% circa tra i due CCNL.

  • Fondazione Rubes Triva: trattasi come ormai noto dell’ente bilaterale che si occupa di salute e sicurezza nel settore, la contribuzione corrisponde a € 1 mensili per ciascun dipendente nel 2024, e a € 2 mensili a partire dal 2025 per le aziende che applicano il CCNL Assoambiente (vedi da ultimo la circolare n. 62/2024 del 14 marzo u.s.).
  • Buoni carburante: è la forma privilegiata dalle Parti stipulanti nell’Accordo del 18 maggio 2022 per remunerare i mesi di vacanza contrattuale. La quota è stata spalmata per la residua vigenza del CCNL, analogamente a quanto normalmente fatto anche per le somme una tantum.
  • Costi sicurezza: i costi previsti dall’articolo 66, lettera “d” del CCNL 6.12.2016 sono stati assorbiti in una voce complessiva, recante una stima legata agli adempimenti in materia di salute e sicurezza, derivante da una indagine effettuata con aziende di diverse Associazioni imprenditoriali di settore.

La cifra pari  € 708 all’anno risulta più alta di circa l’11% rispetto alle due voci precedenti.

  • Ore annue mediamente lavorate: rispetto alle previgenti tabelle, le ore passano da 1641 a 1612 con una diminuzione di 29 ore, riconducibile al computo di 34 ore di ROL dovute all’aumento dell’orario di lavoro dei CCNL del 2016 (rimangono 30 ore per le aziende che applicano il CCNL Assoambiente ma nella tabella si computano il valore più alto) e all’aumento delle ore medie di congedo per nascita del figlio, notevolmente aumentate di recente per disposizioni legislative.

 

***************

Rispetto ai costi precedenti, e quindi alle Tabelle Ministeriali precedenti, in vigore da marzo 2019 a giugno 2022, l’aumento del costo orario del lavoratore inquadrato al livello 3A è pari al 4,88% da luglio 2022 e all’ 8,28% a regime (luglio 2024 su marzo 2019).

{related_entries id="fotogallery_allegata"}

Photogallery

{/related_entries}

IL RENTRI: COSA E’? COME E QUANDO ISCRIVERSI?

IL RENTRI: COSA E’? COME E QUANDO ISCRIVERSI?

Ne ha parlato Chiara Leboffe per ASSOAMBIENTE nel corso formativo rivolto ai dipendenti del Gruppo Gesenu a Perugia presso l’Aula formativa aziendale nell’ambito del piano di aggiornamento rivolto al personale impiegato.

Il corso è stato reso fruibile anche in FAD dai diversi impianti gestiti in Sardegna e nel Lazio oltre che in Umbria.

Per la parte Software, Nica s.r.l. ha supportato l’evento illustrando con i propri tecnici le soluzioni applicative già realizzate.

60 dipendenti in totale hanno condiviso dubbi operativi e normativi su questo nuovo adempimento.

È l’ennesimo momento di condivisione fra il Gruppo Gesenu e ASSOAMBIENTE che sostanzia nei fatti e nell’operatività il supporto dell'Associazione al quotidiano operare delle aziende del settore Associate.

{related_entries id="fotogallery_allegata"}

Photogallery

{/related_entries}

Verifica dei dati e accreditamento dei verificatori nel sistema ETS – Avviata consultazione pubblica su revisione del Regolamento di Esecuzione

Verifica dei dati e accreditamento dei verificatori nel sistema ETS – Avviata consultazione pubblica su revisione del Regolamento di Esecuzione

Nell’ambito della modifica della direttiva sull’Emission Trading System, la Commissione Europea ha pubblicato una bozza di revisione del Regolamento di Esecuzione (UE) 2018/2067 che riguarda la verifica dei dati e l’accreditamento dei verificatori e ha aperto una consultazione pubblica sul testo. 

Per maggiori informazioni si rimanda alla Circolare 2024/070/SAEC-EUR/FA del 19.03.2024 pubblicata sul sito ASSOAMBIENTE.

{related_entries id="fotogallery_allegata"}

Photogallery

{/related_entries}

2024/070/SAEC-EUR/FA

2024/070/SAEC-EUR/FA

Nell’ambito della modifica della direttiva sull’Emission Trading System (ETS), la Commissione Europea ha pubblicato una bozza di revisione del Regolamento di Esecuzione (UE) 2018/2067 che riguarda la verifica dei dati e l’accreditamento dei verificatori e ha aperto una consultazione pubblica sul testo.

Si ricorda che nel 2023 è stata ratificata la riforma del sistema ETS, il sistema europeo per lo scambio di quote di emissioni di gas a effetto serra, attraverso la modifica della Direttiva 2003/87/CE da parte della Direttiva (UE) 2023/959, la quale, oltre ad intervenire sul settore dei trasporti aerei e marittimi, introduce un nuovo comma relativo agli impianti di incenerimento rifiuti urbani (v. circolare Assoambiente n. 133 del 24 maggio 2023).

Di fatto, nella normativa sull’ETS, l’organismo di verifica è responsabile della verifica dei gas ad effetto serra emesse dalle attività e la validità della verifica viene attestata dalla dichiarazione di verifica che garantisce che le dichiarazioni rese dal produttore sono affidabili e pertanto si è reso necessario modificare anche il Regolamento di Esecuzione sulla verifica dei dati e sull'accreditamento dei verificatori per incorporare norme applicabili alla verifica delle emissioni di gas serra degli impianti di incenerimento di rifiuti urbani con potenza termica nominale complessiva superiore a 20 MW.

Si evidenzia che nella bozza pubblicata, la Commissione dispone l’applicazione degli stessi requisiti di verifica applicabili agli altri impianti di combustione, ma laddove uno Stato membro non abbia richiesto che l'impianto di incenerimento dei rifiuti urbani abbia un'autorizzazione per le emissioni di gas serra, il verificatore deve concentrare la propria valutazione sul rispetto del piano di monitoraggio.

Inoltre, per quanto d’interesse, viene indicato che a seguito dell’estensione dell’ambito delle attività elencate della nuova direttiva ETS, che nell’Allegato I include, tra le altre cose, la produzione di idrogeno e il trasporto di CO2 attraverso mezzi diversi dai gasdotti, è stato necessario aggiornare anche l’ambito di accreditamento nel regolamento di esecuzione.

Per qualsiasi approfondimento si rimanda al testo e all’allegato della norma (in inglese), allegati alla presente.

Per quanti interessati, è possibile partecipare alla consultazione pubblica della Commissione europea disponibile qui, entro il prossimo 15 aprile 2024.  Al fine di poter predisporre un contributo associativo, anche in collaborazione con FEAD, chiediamo gentilmente, di inviare il proprio feedback all’indirizzo g.fano@fise.org entro il prossimo 5 aprile 2024.

{related_entries id="fotogallery_allegata"}

Photogallery

{/related_entries}

Revisione norma GF impianti trattamento rifiuti Regione Lombardia

Revisione norma GF impianti trattamento rifiuti Regione Lombardia

La Regione, in virtù della facoltà prevista dal nuovo comma 5-bis dell’art. 195 del D.Lgs. n.152/2006 (introdotto con il D.Lgs. n. 116/2020), che attribuisce alle Regioni la possibilità di disciplinare i criteri generali per la determinazione delle garanzie finanziarie nelle more dell'esercizio di tale competenza da parte dello Stato (con l'obbligo di adeguamento alle sopravvenute norme nazionali entro 6 mesi), intende procedere alla revisione della DGR n. 19461/2004 in materia di GF impianti trattamento rifiuti.

Per maggiori informazioni si rimanda alla Circolare 2024/069/SAEC-NOT/LE del 19.03.2024 pubblicata sul sito ASSOAMBIENTE.

{related_entries id="fotogallery_allegata"}

Photogallery

{/related_entries}

2024/069/SAEC-NOT/LE

2024/069/SAEC-NOT/LE

Come noto ai sensi dei commi 2 lett. e) e 11 lett. g) dell'art. 208 del D.lgs. n. 152/2006 gli impianti di trattamento rifiuti, ivi compresi quelli che operano in procedura semplificata (artt. 214 e 216 del D.lgs. n. 152/2006), sono tenuti a prestare idonee garanzie finanziarie alla Regione per svolgere le proprie attività: in Regione Lombardia, la normativa regionale di riferimento è attualmente la D.G.R. n. 19461/2004. 

La Regione, volendo esercitare la facoltà prevista dal nuovo comma 5-bis dell’art. 195 del D.Lgs. n.152/2006 (introdotto con il D.Lgs. n. 116/2020), che attribuisce alle Regioni la possibilità di disciplinare i criteri generali per la determinazione delle garanzie finanziarie nelle more dell'esercizio di tale competenza da parte dello Stato (con l'obbligo di adeguamento alle sopravvenute norme nazionali entro 6 mesi), intende procedere alla revisione della DGR sopra menzionata.

Nello specifico la portata della modifica intende:

  1. in generale, adeguare le disposizioni regionali in materia di garanzie finanziarie sia alle modifiche sopravvenute del D.Lgs. n. 36/2003 che alle modifiche sopravvenute della L.R. n. 26/2003, rivedendo complessivamente, anche alla luce del confronto con altre Regioni, i criteri a cui subordinare l’accettazione delle garanzie finanziarie relative alla realizzazione ed all’esercizio degli impianti per la gestione dei rifiuti, di cui alla Parte IV del D.Lgs. n.152/06, comprese le discariche di cui al D.lgs n. 36/2003, ferme restando tutte le disposizioni inerenti alle procedure per la bonifica dei siti contaminati, cui si provvederà con separato provvedimento;
  2. in particolare, aggiornare gli importi delle garanzie finanziarie sulla base, principalmente, delle seguenti considerazioni:
    • rivalutazione monetaria calcolata sulla base dell’“Indice dei prezzi al consumo per famiglie operai e impiegati” a partire dal novembre 2004, mese di approvazione della D.G.R.n.19461/2004, alla data di approvazione della presente delibera;
    • valutazione dei costi degli interventi sostitutivi nel caso di inadempienza dei soggetti responsabili;
    • opportunità di distinguere le garanzie per impianti di recupero e di smaltimento;
    • opportunità di stabilire dei valori soglia minimi, al di sotto dei quali gli importi delle garanzie siano fissi, in quanto alcuni costi degli interventi sostitutivi sono fissi e comunque non proporzionali ai quantitativi (es. oneri amministrativi, di caratterizzazione, di progettazione, etc…).

La regione Lombardia, stante la portata del processo di revisione normativa intende procedere ad un ulteriore confronto con gli operatori (siano essi potenziali garanti che gestori di impianti), che fa seguito a quello del dicembre 2021 a cui già l’Associazione con la collaborazione delle proprie aziende associate aveva partecipato inviando proposte.

Sulla bozza di revisione aggiornata che si trasmette in allegato e che tiene conto delle osservazioni già a suo tempo espresse, siamo a chiedere Vostri eventuali contributi da inviare a c.leboffe@fise.org entro e non oltre il 12 aprile p.v. al fine di poter dare riscontro alla regione nei tempi richiesti: le proposte di modifica e/o integrazione dovranno essere specificate direttamente sul file allegato, in modalità revisione, unitamente a sintetiche motivazioni giuridiche o tecniche.

{related_entries id="fotogallery_allegata"}

Photogallery

{/related_entries}

REMBOOK 2024: inizio preiscrizione

REMBOOK 2024: inizio  preiscrizione

Da alcuni anni, grazie alla collaborazione tra l'Albo nazionale gestori ambientali e RemTech Expo, è nato il progetto RemBook, che ha l'obiettivo di fornire alla collettività la disponibilità di una banca dati delle competenze tecniche e professionali delle imprese che operano nel campo delle bonifiche.

Il primo importante risultato dello scorso anno, raggiunto grazie alla partecipazione volontaria di circa 700 imprese, è stato la realizzazione di una piattaforma unica nel suo genere, un catalogo gratuito di imprese che effettuano attività di bonifica, consultabile online al link www.rembook.it.

Al progetto hanno contribuito attivamente le principali associazioni di categoria che rappresentano il settore, quali Assoambiente, Assoamianto e Confindustria, oltre al prezioso contributo della Task force del Commissario Unico per la Bonifica delle discariche abusive e dell’Ispra.

Da quest’anno, inoltre, il team di RemBook opera in sinergia con il player di riferimento in materia di incentivi nazionali, Invitalia, l'Agenzia nazionale per lo sviluppo di proprietà del Ministero dell'Economia, e sta attivando partnership con ulteriori operatori nell’ambito della committenza pubblica.

Come negli anni passati, anche quest’anno RemBook persegue, tra i principali obiettivi, quelli di:

  1. realizzare una banca dati dinamica, in stretta collaborazione con le imprese specializzate nel settore delle bonifiche di siti contaminati, iscritte nella categoria 9, e nel settore delle bonifiche di beni contenenti amianto, iscritte nella categoria 10, a disposizione della committenza pubblica e privata per agevolare la ricerca di un’impresa sulla base delle sue competenze tecniche, esperienze, certificazioni e specializzazioni;
  2. valorizzare le competenze delle imprese iscritte all'Albo, impegnate nella progettazione ed esecuzione delle bonifiche, che operano con professionalità, trasparenza e nella legalità;
  3. raccogliere ed elaborare elementi tecnici ed economici, attraverso la produzione di un osservatorio statistico che sulla base dei dati forniti possa rappresentare l’evoluzione del mercato di riferimento.

Il primo step per raggiungere gli obiettivi è la preiscrizione al “Progetto RemBook”, in mancanza della quale non sarà consentita la compilazione del questionario e l’inserimento nel catalogo RemBook dell’impresa partecipante.

Nelle prossime settimane, ogni impresa preiscritta riceverà all’indirizzo mail che verrà indicato nel form di preiscrizione il link personale al quale collegarsi per compilare il questionario.

Il secondo step sarà la compilazione di un questionario sui dati, le tecniche, le competenze e le qualificazioni dell’impresa che ne consentirà l’inserimento nel catalogo web RemBook, consultabile all’indirizzo www.rembook.it e raggiungibile anche dal sito web dell'Albo nazionale gestori ambientali.

La pubblicazione nel catalogo web non prevede alcun costo per l'azienda né per la consultazione.

Vi invitiamo quindi a partecipare iscrivendovi alla preadesione disponibile all’indirizzo https://forms.office.com/e/xzzR1w5NZr  entro e non oltre il 30 Aprile 2024.

Per eventuali informazioni è disponibile un servizio di assistenza all'indirizzo Rembook@remtechexpo.com, al quale potrete indirizzare i vostri quesiti.

{related_entries id="fotogallery_allegata"}

Photogallery

{/related_entries}

Parte da CIRIE’ il nostro viaggio per la sostenibilità con la prima tappa di “IMPIANTI APERTI on The Road” (Video)

Parte da CIRIE’ il nostro viaggio per la sostenibilità con la prima tappa di “IMPIANTI APERTI on The Road” (Video)

“Impianti Aperti on The Road. Il viaggio per la sostenibilità”. E’ questo il nome della nuova campagna di sensibilizzazione sul tema della corretta e sostenibile gestione dei rifiuti promossa dall'Associazione con il patrocinio del Ministero dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica, ANCI, ISPRA-SNPA e Sostenibilità in Lombardia.

Per il primo appuntamento di “Impianti Aperti on the Road abbiamo previsto una visita all’impianto di trattamento dei catalizzatori della Società americana TECHEMET, la principale azienda del settore a livello mondiale riservata agli operatori della demolizione dei veicoli.

In tale occasione sempre presso lo Stabilimento TECHEMET di Ciriè (Torino), ASSOAMBIENTE, con il contributo di ECOEURO e con la Partnership di RiciclaTV ha organizzato il Convegno dal titolo “Dalla Direttiva 2000/53 ad un nuovo Regolamento Europeo per gli ELV”. 

All’evento hanno preso parte i principali stakeholders della filiera del fine vita dei veicoli:  Gianmarco Giorda (ANFIA), Antonio Cernicchiaro (UNRAE), Cinzia Vezzosi (ASSOFERMET ed EURIC) e i rappresentati delle Associazioni dei Demolitori e dei Frantumatori Anselmo Calò (ADA), Ruggiero Delvecchio (ADQ)e Stefano Leoni (AIRA). I relatori hanno illustrato la propria  posizione sulla nuova proposta di Regolamento europeo che dovrebbe sostituire la Direttiva 2000/53/CE sul fine vita dei veicoli e quella sulla omologazione degli stessi prima di essere immessi nel mercato.

Il Vice Ministro del MASE Vannia Gava nel suo intervento ha sottolineato come: “Oggi va combattuta la sindrome NIMBY, facendo conoscere realtà imprenditoriali tecnologicamente evolute. L’Italia è un modello di economia circolare a livello europeo  e non può non essere ascoltata . Nel settore della demolizione veicoli occorre fare un salto di qualità, anche perché le operazioni di riciclo delle componenti dei veicoli ci possono aiutare a reperire le materie prime critiche. Il nuovo Regolamento aiuterà a raggiungere i risultati attesi, omogenizzando il quadro legislativo. Siamo disponibili, come fatto in passato, ad aprire nuovamente il dialogo con tutte le rappresentanze della filiera e farci portavoce in Europa di una proposta condivisa”.

Le conclusioni sono state affidate al Presidente di Assoambiente Chicco Testa che ha evidenziato come: “il settore dell’autodemolizione ha vissuto negli anni un’evoluzione decisamente significativa, grazie alla normativa e alla capacità di organizzazione degli operatori. Oggi serve una normativa che stimoli l’innovazione tecnologica e l’abilità delle imprese di far fronte ai problemi anche in questo settore. Occorre rafforzare la sinergia tra tutti i componenti della filiera per definire una posizione che poi il governo italiano possa supportare in Europa”.

Si rende disponibile il video integrale del Convegno fortemente partecipato.

Scaricabile qui una prima Rassegna Stampa. Per un aggiornamento vi invitiamo a seguire la Rubrica “Media & Stampa”.

 

{related_entries id="fotogallery_allegata"}

Photogallery

{/related_entries}

Evento Assoambiente sulla proposta di Regolamento europeo sui veicoli a fine vita

Evento Assoambiente sulla proposta di Regolamento europeo sui veicoli a fine vita

La Discussione, Canale Energia, GSA, Raccolte Differenziate, E-Gazette

{related_entries id="fotogallery_allegata"}

Photogallery

{/related_entries}

Firmato decreto su incentivi per l’acquisto di prodotti alternativi a quelli in plastica monouso

Firmato decreto su incentivi per l’acquisto di prodotti alternativi a quelli in plastica monouso

I Ministri competenti hanno firmato lo schema di DM relativo agli incentivi alle imprese per l'acquisto di prodotti riutilizzabili o biodegradabili alternativi a quelli in plastica monouso. 

Il provvedimento individua un incentivo per le imprese che acquistano e usano prodotti riutilizzabili o certificati biodegradabili e compostabili ai sensi della norma Uni En 13432:2002. 

L'incentivo è un credito d'imposta pari al 20% delle spese per l'acquisto di uno dei prodotti indicati nelle Parti e B  dell'allegato al D.Lgs. 196/2021.  

Per maggiori informazioni si rimanda alla Circolare 2024/068/SAEC-FIN/CS del 18.03.2024 pubblicata sul sito ASSOAMBIENTE.

{related_entries id="fotogallery_allegata"}

Photogallery

{/related_entries}

2024/068/SAEC-FIN/CS

2024/068/SAEC-FIN/CS

I Ministri competenti hanno firmato lo schema di DM relativo agli incentivi alle imprese per l'acquisto di prodotti riutilizzabili o biodegradabili alternativi a quelli in plastica monouso.

Come previsto dall'articolo 4, comma 7, del D.Lgs. n. 196/2021 che ha recepito la direttiva sulla plastica monouso (Direttiva UE 2019/904), il provvedimento individua un incentivo per le imprese che acquistano e usano prodotti riutilizzabili o certificati biodegradabili e compostabili ai sensi della norma Uni En 13432:2002, al fine di favorire l'uso di tali prodotti in alternativa a quelli monouso. 

L'incentivo è un credito d'imposta pari al 20% delle spese sostenute nel 2022, 2023 e 2024 per l'acquisto di uno dei prodotti indicati nelle Parti A (tazze o bicchieri per bevande, contenitori per alimenti) e B (prodotti di plastica monouso) dell'allegato al D.Lgs. n. 196/2021.

Sono ammissibili al contributo le spese effettivamente sostenute nel corso delle annualità 2022, 2023 e 2024 e avranno accesso in via prioritaria agli incentivi le spese sostenute per l'acquisto dei prodotti destinati a entrare in contatto con alimenti. 

Ogni beneficiario potrà godere di un contributo massimo di 10.000 euro per annualità e il credito d'imposta concesso è utilizzabile solo in compensazione. 

La domanda per l’ottenimento del finanziamento si potrà presentare accedendo alla piattaforma informatica messa a disposizione dal MASE. L’attivazione della stessa, con indicazione dettagliate sui termini e modalità di presentazione della domanda, verrà comunicata sulla sezione news del Ministero dell’Ambiente.

Nel rimandare a prossime comunicazioni per ogni aggiornamento, si anticipa in allegato il testo del DM firmato.

{related_entries id="fotogallery_allegata"}

Photogallery

{/related_entries}

Spedizioni illegali di rifiuti – Sondaggio per progetto europeo

Spedizioni illegali di rifiuti – Sondaggio per progetto europeo

Nell’ambito del progetto Shipment of Waste Enforcement Actions (SWEAP), cofinanziato dal fondo LIFE della Commissione Europea e coordinato dalla rete IMPEL, è stata avviata un’indagine indirizzata alle aziende coinvolte nella spedizione dei rifiuti, al fine di ricevere il punto di vista dell’industria sugli impatti delle spedizioni illegali di rifiuti e riguardo le normative in materia.

Per maggiori informazioni si rimanda alla Circolare 2024/067/SAEC-EUR/FA del 18.03.2024 pubblicata sul sito ASSOAMBIENTE.

{related_entries id="fotogallery_allegata"}

Photogallery

{/related_entries}

2024/067/SAEC-EUR/FA

2024/067/SAEC-EUR/FA

Nell’ambito del progetto Shipment of Waste Enforcement Actions (SWEAP), cofinanziato dal fondo LIFE della Commissione Europea e coordinato dalla rete IMPEL, è stata avviata un’indagine indirizzata alle aziende coinvolte nella spedizione dei rifiuti, al fine di ricevere il punto di vista dell’industria sugli impatti delle spedizioni illegali di rifiuti e riguardo le normative in materia.

Lo scopo generale del progetto SWEAP è quello di sostenere l’economia circolare interrompendo il commercio illegale dei rifiuti in UE, pertanto, al fine di definire uno degli indicatori chiave di prestazione del progetto, è stato lanciato un sondaggio con l’obiettivo di valutare l’assistenza di cui il settore potrebbe aver bisogno per garantire che le spedizioni di rifiuti siano conformi al disposto normativo. 

Il team di SWEAP ha identificato le aree prioritarie in cui sono necessari ulteriori approfondimenti e linee guida, elaborando tre schede informative:

• Rifiuti di plastica

• Rifiuti elencati nella lista verde

• Livelli di contaminazione consentiti

Sulla base delle risposte fornite nell’ambito del sondaggio in oggetto, potrebbero essere identificate nuove aree che richiedono ulteriori informazioni e orientamenti per l’industria, soprattutto alla luce del nuovo Regolamento sulle spedizioni di rifiuti (v. circolare Assoambiente n. 63 del 14 marzo 2024), la cui pubblicazione è prevista nella primavera del 2024.

Si invitano le aziende interessate a completare il sondaggio, disponibile qui, entro il 31 marzo 2024.

Al fine di poter predisporre un contributo associativo, chiediamo gentilmente a quanti interessati, di inviare le risposte al questionario anche all’indirizzo g.fano@fise.org entro il prossimo 25 marzo 2024.

{related_entries id="fotogallery_allegata"}

Photogallery

{/related_entries}

Revisione Direttiva rifiuti – Aggiornamento lavori europei

Revisione Direttiva rifiuti – Aggiornamento lavori europei

Il Parlamento europeo ha espresso, votando una serie di emendamenti di compromesso, la propria posizione sulla proposta di revisione della Direttiva quadro sui rifiuti presentata dalla Commissione europea lo scorso luglio. 

Il fascicolo però, ha fatto sapere il Parlamento, subirà ora uno stop dei lavori in vista delle elezioni europee e verrà ripreso in mano dal prossimo esecutivo che si insedierà dopo il mese di giugno 2024. 

La proposta della Commissione modifica la Direttiva 2008/98/Ce sui rifiuti intervenendo su due settori specifici: i rifiuti tessili e quelli organici. 

Per maggiori informazioni si rimanda alla Circolare 2024/066/SAEC-EUR/CS del 18.03.2024 pubblicata sul sito ASSOAMBIENTE.

{related_entries id="fotogallery_allegata"}

Photogallery

{/related_entries}

2024/066/SAEC-EUR/CS

2024/066/SAEC-EUR/CS

Il Parlamento europeo ha espresso, votando una serie di emendamenti di compromesso, la propria posizione sulla proposta di revisione della Direttiva quadro sui rifiuti presentata dalla Commissione europea lo scorso luglio. Il fascicolo però, ha fatto sapere il Parlamento, subirà ora uno stop dei lavori in vista delle elezioni europee e verrà ripreso in mano dal prossimo esecutivo che si insedierà dopo il mese di giugno 2024. 

La proposta della Commissione (v. circolare Assoambiente n. 183/2023) modifica la Direttiva 2008/98/CE sui rifiuti intervenendo su due settori specifici: i rifiuti tessili e quelli organici. Per quanto riguarda i primi viene introdotto a livello europeo un sistema di responsabilità estesa del produttore (EPR) dei prodotti tessili che obbligherebbe le aziende di abbigliamenti e accessori, biancheria da letto, tende, cappelli, calzature nonché, secondo gli emendamenti del Parlamento, materassi e tappeti a finanziare le attività di gestione dei rifiuti generati dai loro prodotti. Sono poi previsti interventi anche sulla governance dei sistemi collettivi della responsabilità estesa del produttore che allargano il coinvolgimento nelle decisioni a tutti i soggetti interessati, compresi gli operatori di rifiuti pubblici e privati, gli Enti locali, gli operatori del riutilizzo e della preparazione per il riutilizzo, le imprese sociali. 

Per quanto riguarda i rifiuti organici, rispetto alla proposta della Commissione, il Parlamento europeo alza i target di riduzione dei rifiuti da raggiungere entro fine 2030: almeno il 20% nella trasformazione e produzione alimentare (invece del 10% proposto dalla Commissione) e il 40% pro capite nella vendita al dettaglio, nei ristoranti, nei servizi alimentari e nelle famiglie (invece del 30%). 

Il Parlamento aggiunge poi un emendamento relativo alla normativa sulle discariche dove invita la Commissione a condurre, entro il 31 dicembre 2026, una valutazione di impatto della direttiva sulle discariche accompagnata, se del caso, da una relativa proposta normativa.

Per maggiori informazioni si rimanda al documento del Parlamento con gli emendamenti di compromesso allegato. 

{related_entries id="fotogallery_allegata"}

Photogallery

{/related_entries}

Veicoli a fine vita: “il Governo avvii un tavolo di tutta la filiera per definire una posizione condivisa sul Regolamento”

Veicoli a fine vita: “il Governo avvii un tavolo di tutta la filiera per definire una posizione condivisa sul Regolamento”

ANSA, Recover, Staffetta Quotidiana, Recycling Web, Tiscali Notizie, Quotidiano Nazionale, Italia Informa, Ricicla News, Azienda TOP, Adriaeco, PressItalia.net 

{related_entries id="fotogallery_allegata"}

Photogallery

{/related_entries}

Stati membri UE approvano PPWR e CSDD

Stati membri UE approvano PPWR e CSDD

I 27 Stati membri dell’UE hanno approvato oggi il Regolamento sugli imballaggi e rifiuti di imballaggi e la Direttiva sul dovere di diligenza delle imprese ai fini della sostenibilità. 

La decisione è stata adottata a livello di Ambasciatori nel Comitato dei Rappresentanti Permanenti Aggiunti presso l’Unione Europea (Coreper I). 

Si tratta dell’ultimo passo per l’adozione dei due provvedimenti dopo i negoziati con il Parlamento Europeo e sarà poi formalizzata da quest’ultimo e dai Ministri dei Ventisette. 

I testi approvati verranno adesso trasmessi al Parlamento europeo e quindi al Consiglio per l’adozione finale.

{related_entries id="fotogallery_allegata"}

Photogallery

{/related_entries}

ASSOAMBIENTE 15 marzo 2024

ASSOAMBIENTE 15 marzo 2024 {related_entries id="fotogallery_allegata"}

Photogallery

{/related_entries}

PFAS – pubblicato articolo scientifico FEAD.

PFAS – pubblicato articolo scientifico FEAD.

Pubblicato su Detritus (Rivista multidisciplinare sull'economia circolare e la gestione sostenibile dei residui) l’articolo scientifico su "The Presence of PFAS in Wastes and Related Implications on the Current and Proposed European Regulatory Framework: A Systematic Critical Review".

Questo studio completo era stato commissionato dalla FEAD in risposta alla proposta di "divieto dei PFAS" presentata da diversi Stati membri all'ECHA nel 2023.

Per maggiori informazioni si rimanda alla Circolare 2024/065/SAEC-COM/PE del 15.03.2024 pubblicata sul sito ASSOAMBIENTE.

{related_entries id="fotogallery_allegata"}

Photogallery

{/related_entries}

2024/065/SAEC-COM/PE

2024/065/SAEC-COM/PE

Nel far seguito a quanto comunicatoVi in relazione agli incontri organizzati sul tema PFAS da FEAD – l’Associazione Europea per la Gestione dei Rifiuti a cui aderisce e partecipa anche Assoambiente – informiamo che su Detritus (Rivista multidisciplinare sull'economia circolare e la gestione sostenibile dei residui) è stato pubblicato l’articolo scientifico su "The Presence of PFAS in Wastes and Related Implications on the Current and Proposed European Regulatory Framework: A Systematic Critical Review".

Questo Studio completo era stato commissionato dalla FEAD in risposta alla proposta di "divieto dei PFAS" presentata da diversi Stati membri all'ECHA nel 2023 (v. sito ECHA qui). È stato condotto in collaborazione con l'Università di Padova e fa luce sulla presenza di sostanze per- e polifluoroalchiliche (PFAS) in diversi flussi di rifiuti (carta, cartone, tessuti e metalli) e sulle implicazioni per i meccanismi legali europei.

Questa ricerca è particolarmente significativa perché l'uso dei PFAS è molto diffuso, ma le conoscenze sul loro impatto nella gestione dei rifiuti sono scarse. Vi è un'urgente necessità di comprendere e gestire i PFAS, soprattutto considerando la recente restrizione all'immissione sul mercato di imballaggi a contatto con gli alimenti contenenti questa sostanza chimica al di sopra di determinate soglie, concordata tra il Consiglio e il Parlamento per il nuovo regolamento sugli imballaggi e i rifiuti di imballaggio.

Per questo motivo, la pubblicazione di questo articolo segna una tappa importante negli sforzi in corso per comprendere e affrontare le sfide poste dalla contaminazione da PFAS nei rifiuti. La FEAD rimane impegnata a far progredire le conoscenze e a promuovere soluzioni sostenibili in questo settore critico. 

Il comunicato stampa completo di FEAD (in inglese) è disponibile qui.

L’articolo pubblicato su Detritus (in inglese) è disponibile qui

{related_entries id="fotogallery_allegata"}

Photogallery

{/related_entries}

Veicoli a fine vita: “il Governo avvii un tavolo di consultazione di tutta la filiera per definire una posizione condivisa sul Regolamento”

Veicoli a fine vita: “il Governo avvii un tavolo di consultazione di tutta la filiera per definire una posizione condivisa sul Regolamento”

Il Governo avvii un tavolo di consultazione dei diversi rappresentanti della filiera dei veicoli a fine vita (produttori, demolitori, riciclatori) per definire una posizione condivisa sul prossimo Regolamento europeo relativo agli End of Life Vehicles (ELV) che il Governo nazionale possa portare in Europa”.

E’ questo l’appello emerso nel corso del convegno “Dalla Direttiva 2000/53/CE ad un nuovo Regolamento Europeo per gli ELV”, promosso presso l’impianto Techemet di Ciriè (Torino) da ASSOAMBIENTEl’Associazione che rappresenta le imprese che operano nel settore dell’igiene urbana, riciclo, recupero, economia circolare, smaltimento rifiuti e bonifiche, con il Patrocinio della Città Metropolitana di Torino e in collaborazione con Ecoeuro.

Nel suo intervento il Presidente ADA, Anselmo Calò ha sottolineato come: “Oggi esistono molti punti di convergenza tra i produttori di auto e i diversi attori della filiera del trattamento dei veicoli a fine vita. Su altri, come ad esempio la responsabilità estesa del produttore, andrà trovato un punto di incontro. E’ quindi quanto mai opportuno che, in attesa che (presumibilmente dopo l’estate) riparta il dibattito a livello di Parlamento europeo sul Regolamento, il Governo avvii un Tavolo di consultazione con i diversi stakeholder con l’obiettivo di individuare una posizione unica che faccia la sintesi delle diverse istanze. In altri Paesi europei sono stati proprio i Governi a incentivare la costituzione di tavoli permanenti. Il Regolamento rappresenta un’occasione unica per consolidare a livello europeo un settore pilastro dell’economia circolare”.

Una prima risposta positiva all’appello è arrivata dal Vice Ministro del MASE Vannia Gava che ha sottolineato come: “Oggi va combattuta la sindrome NIMBY, facendo conoscere realtà imprenditoriali tecnologicamente evolute. L’Italia è un modello di economia circolare a livello europeo  e non può non essere ascoltata . Nel settore della demolizione veicoli occorre fare un salto di qualità, anche perché le operazioni di riciclo delle componenti dei veicoli ci possono aiutare a reperire le materie prime critiche. Il nuovo Regolamento aiuterà a raggiungere i risultati attesi, omogenizzando il quadro legislativo. Siamo disponibili, come fatto in passato, ad aprire nuovamente il dialogo con tutte le rappresentanze della filiera e farci portavoce in Europa di una proposta condivisa”.

All’evento hanno preso parte i principali stakeholders della filiera del fine vita dei veicoli:  Gianmarco Giorda (ANFIA), Antonio Cernicchiaro (UNRAE), Cinzia Vezzosi (ASSOFERMET ed EURIC) e i rappresentati delle Associazioni dei Demolitori e dei Frantumatori Anselmo Calò (ADA), Ruggiero Delvecchio (ADQ)e Stefano Leoni (AIRA). I relatori hanno illustrato la propria  posizione sulla nuova proposta di Regolamento europeo che dovrebbe sostituire la Direttiva 2000/53/CE sul fine vita dei veicoli e quella sulla omologazione degli stessi prima di essere immessi nel mercato.

Dagli interventi è emersa una sostanziale convergenza su diversi punti contenuti nel testo della proposta di Regolamento, a partire dalla regolamentazione dell’export dei veicoli, alla maggiore tracciabilità di veicoli fuori uso e dei componenti venduti come ricambi e dall’opposizione alla norma che consente la consegna dei veicoli elettrici senza batteria da trazione e con parti mancanti (contrasto al cosiddetto “fai da te”), fino alla assoluta contrarietà ai centri di raccolta temporanei, nonché alla rimozione obbligatoria di materiali e componenti per cui non c’è un mercato. Resta ferma la necessità che gli impianti raggiungano l’obiettivo di riciclo sancito dalla norma. Tra i temi affrontati anche il reimpiego delle plastiche provenienti dal trattamento dei veicoli per motivi di sicurezza e per praticabilità effettiva (degrado polimeri).

Le conclusioni sono state affidate al Presidente di Assoambiente Chicco Testa che ha evidenziato come: “il settore dell’autodemolizione ha vissuto negli anni un’evoluzione decisamente significativa, grazie alla normativa e alla capacità di organizzazione degli operatori. Oggi serve una normativa che stimoli l’innovazione tecnologica e l’abilità delle imprese di far fronte ai problemi anche in questo settore. Occorre rafforzare la sinergia tra tutti i componenti della filiera per definire una posizione che poi il governo italiano possa supportare in Europa”.

L’incontro si è tenuto nel corso della prima tappa della nuova campagna di sensibilizzazione sul tema della corretta e sostenibile gestione dei rifiuti “IMPIANTI APERTI on The Road. Il viaggio per la sostenibilità”, promossa da Assoambiente, con il patrocinio del Ministero dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica, ANCI, ISPRA-SNPA e Sostenibilità in Lombardia.

Il convegno è stato seguito dalla visita all’impianto di trattamento dei catalizzatori della società americana TECHEMET.

{related_entries id="fotogallery_allegata"}

Photogallery

{/related_entries}

E-PRTR: DICHIARAZIONE ENTRO IL 30 APRILE 2024

E-PRTR: DICHIARAZIONE ENTRO IL 30 APRILE 2024

Pubblicate da ISPRA nuove metriche e unità di misura che dovranno essere utilizzate per la dichiarazione da parte dei gestori degli impianti soggetti all'obbligo di trasmettere le informazioni relative alle emissioni di inquinanti in aria, acqua e suolo e ai trasferimenti di rifiuti ai sensi dell'articolo 4, comma 1 del DPR 157/2011 (di attuazione del regolamento 166/2006/CE).

Per maggiori informazioni si rimanda alla Circolare 2024/064/SAEC-NOT/LE del 14.03.2024 pubblicata sul sito ASSOAMBIENTE.

{related_entries id="fotogallery_allegata"}

Photogallery

{/related_entries}

2024/064/SAEC-NOT/LE

2024/064/SAEC-NOT/LE

Pubblicate da ISPRA nuove metriche e unità di misura che dovranno essere utilizzati per la dichiarazione da parte dei gestori degli impianti soggetti all'obbligo di trasmettere le informazioni relative alle emissioni di inquinanti in aria, acqua e suolo e ai trasferimenti di rifiuti ai sensi dell'articolo 4, comma 1 del DPR 157/2011 (di attuazione del Regolamento 166/2006/CE).

Restano invariati rispetto agli anni passati, il resto dei contenuti (parametri e sostanze da comunicare), i criteri di compilazione della dichiarazione PRTR e la scadenza per l’invio dei dati che è confermata al 30 aprile 2024.

Di seguito le procedure e le modalità di invio dei dati 2023 pubblicate da Ispra:

  • compilare ilmodulo in formato Excel che riproduce le schede della dichiarazione PRTR. È necessario compilare un file Excel per ciascuno stabilimento dichiarante. La dichiarazione deve essere relativa a tutti i 12 mesi dell’anno di riferimento, pertanto nel caso di acquisizioni o cambi di ragione sociale nel corso dell’anno di riferimento, l’ultimo intestatario in ordine di tempo si fa carico della dichiarazione per l’intero anno di riferimento;
  • applicare la firma digitale valida (basata su un certificato qualificato, rilasciato da un certificatore accreditato ai sensi del DL 82/2005) al modulo formato Excel compilato, ottenendo così il file con estensione .p7m da allegare al messaggio di posta elettronica certificata;
  • rinominare il file .p7m secondo la struttura “PRTR2024_[Ragione Sociale]_[Provincia]” (es. per la ditta Rossi spa, ubicata a Roma, indicare “PRTR2024_Rossispa_RM.xlsx.p7m);
  • inviare il messaggio di posta elettronica certificata con oggetto “Dichiarazione PRTR 2024 [Ragione sociale], [Provincia]” (es. “Dichiarazione PRTR 2024 Rossi spa, RM”) con allegata la dichiarazione in formato .p7m ai seguenti destinatari:
    • Indirizzo PEC dell’ISPRA per PRTR: dichiarazioneprtr@ispra.legalmail.it 
    • Indirizzo PEC della propria Autorità Competente (vedi tabella)
  • Informativa relativa al trattamento dei dati personali disponibile qui.

Per chiarimenti ed informazioni è possibile rivolgersi al Dott. Andrea Gagna di ISPRA (e-mail: andrea.gagna@isprambiente.it).

Per memoria, si riporta, in allegato, l’elenco dei gestori ricadenti nell’obbligo di dichiarazioni annuale, ai sensi dell’art. 5 del Regolamento (CE) n. 166/2006, evidenziando, contestualmente, che le Linee guida utili per la compilazione della dichiarazione sono contenute nell’All. II del DPR 157/2011.

{related_entries id="fotogallery_allegata"}

Photogallery

{/related_entries}
Iscriviti alla nostra newsletter
per ricevere gli aggiornamenti su AssoAmbiente
e altre utili informazioni
INSERISCI LA TUA EMAIL